RAZIE A UNIAMOCDC PIANTATI 150 NUOVE PIANTE NELL’AMBITO DEL PROGETTO “PER FARE UN ALBERO…” MASSETTI: “IL PROTAGONISMO DEI CITTADINI NELLA TUTELA DELL’AMBIENTE È UN VALORE AGGIUNTO FONDAMENTALE”

1CITTA’ DI CASTELLO, 23 ottobre 2020 – All’ingresso principale di Città di Castello crescerà un piccolo bosco, grazie ai 150 alberi messi a dimora nell’area della rotatoria tra viale Europa, viale Morandi, la variante Apecchiese e lo svincolo della E45 da Uniamo Cdc, il movimento di cittadini che sta portando avanti il progetto di piantumazione urbana denominato “Per fare un albero…”, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Perugia e la collaborazione di soggetti istituzionali e associativi impegnati nelle tematiche ambientali. Con l’ultima iniziativa, alla quale hanno contribuito Gala Superstore e Dida Garden mediante la donazione di tutte le essenze arboree, sono complessivamente 525 le piante collocate in 21 aree verdi del territorio comunale tifernate, che vanno ad aggiungersi alle 900 che il Comune sta piantando da fine 2019 in rapporto ai bambini residenti nati nel triennio 2018-2020, secondo quanto dispone la legge 113/92.

2“Il protagonismo dei cittadini sul versante dell’ambiente è un valore aggiunto fondamentale per l’esercizio di una cittadinanza responsabile e per l’azione che come amministratori siamo chiamati a svolgere nella tutela del nostro patrimonio naturalistico”, commenta l’assessore all’Ambiente Massimo Massetti, che si è unito personalmente nelle operazioni di piantumazione degli alberi all’ideatore e coordinatore di Uniamo Cdc e dell’iniziativa Luca Colacicchi e ai membri del movimento, con i propri familiari. A impugnare gli attrezzi da giardinaggio sono stati anche l’amministratore delegato del Gruppo Alimentare l’Abbondanza Lorenzo Camilletti e i carabinieri della Compagnia di Città di Castello, capitanati dal comandante della stazione luogotenente Fabrizio Capalti. “L’adesione di una realtà economica significativa del nostro territorio e dell’arma dei carabinieri sono segnali importanti di condivisione che meritano un plauso”, puntualizza Massetti, nel rivolgere “un ringraziamento sincero ai componenti di Uniamo Cdc per l’impegno e per la sensibilità che nascono dalla spontanea convinzione nell’importanza di tutelare l’ambiente, custodendo e accrescendo il patrimonio arboreo della nostra città, ma anche di partecipare attivamente alla vita sociale della comunità, da cittadini responsabili e consapevoli”, osserva Massetti, che rimarca: “l’amministrazione comunale farà la sua parte, continuando a implementare la piantumazione delle aree verdi e delle scuole, nel contesto della cura e del miglioramento della qualità dei luoghi pubblici cittadini”.

3L’emergenza da Covid-19, con il divieto di creare assembramenti, ha impedito di coinvolgere nell’iniziativa la cittadinanza come da programma, per cui c’è stato più lavoro per i volontari presenti, tra cui tanti bambini, che sono stati assistiti dagli addetti del vivaio Dida Garden. “Più lavoro, ma anche tanta soddisfazione, perché la numerosità delle piante e la varietà delle essenze arboree scelte per questo intervento contribuiranno a migliorare la qualità dell’aria in una zona ad alta percorrenza di autoveicoli, portando grande beneficio agli abitanti della zona e a tutta la comunità”, osserva Colacicchi, che sottolinea come “in questo difficile periodo storico, caratterizzato dalla distanza sociale imposta dalla pandemia da Covid-19, sia importante non dimenticare le criticità sociali e ambientali, che richiedono un costante intervento”. “Per questo – anticipa il coordinatore del movimento – Uniamo Cdc continuerà, nel rispetto delle regole, a portare avanti le iniziative mirate al coinvolgimento della popolazione e finalizzate alle azioni concrete che favoriscono il benessere collettivo”. (126)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini