1Perugia, 2 novembre 2020 – Nel corso della nottata del 31 ottobre u.s., i militari della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Perugia, durante un servizio perlustrativo, hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, per l’ipotesi di reato di furto aggravato, un 45enne, disoccupato, nato in Romania, domiciliato a Perugia, noto alle forze di polizia. In particolare, i Carabinieri sono stati allertati dal responsabile di una concessionaria di auto del perugino, che aveva notato l’uomo di origini rumene a bordo di un Audi A4, di colore nero, aggirarsi con fare sospetto nel parcheggio. Arrivati sul posto, i militari, dopo aver identificato l’uomo, che non ha fornito una spiegazione convincente della sua prolungata presenza all’interno del perimetro della concessionaria, dopo aver visionato le telecamere della struttura e aver poi effettuato un sopralluogo all’interno del parcheggio, hanno accertato che il 45enne, poco prima del loro arrivo, dopo aver infranto il lunotto posteriore di una autovettura Audi A4, sprovvista di targhe, intestata alla concessionaria, parcheggiata di fronte alla predetta ditta, avrebbe illecitamente asportato il gruppo comando dell’aria condizionata del citato veicolo, presumibilmente per sostituirlo con quello della propria autovettura, uguale per modello, che a seguito dei controlli effettuati dai militari è risultato effettivamente non funzionante.

La refurtiva è stata sequestrata, assunta in carico e debitamente custodita in attesa di essere depositata presso l’ufficio corpi di reato.

Inoltre, ancora nel corso della nottata del 31 ottobre e sempre i militari della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Perugia, hanno deferito in stato di libertà, per violazione della legge sull’immigrazione, un cittadino tunisino, di 32 anni, domiciliato a Perugia, celibe, disoccupato, anch’egli noto alle forze di polizia.

Nella circostanza, il 32enne, controllato in questa Via Campo di Marte, dove i militari erano stati fatti confluire per un altro intervento, a seguito di accertamenti, è risultato inottemperante all’ordine di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Questore di Perugia in data 20 luglio 2020. (85)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini