COMMISSARIOAssisi, 4 novembre 2020 – Continuano senza sosta i controlli straordinari disposti dal Questore della provincia di Perugia al intensificare le vigilanze sui siti e aree sensibili della comprensorio di Assisi.
Grazie anche al contributo del personale militare dell’Esercito Italiano dell’Operazione Strade Sicure, nei giorni scorsi, la squadra volante del Commissariato P.S. Assisi procedeva al rintraccio nei pressi della Basilica di Santa Maria degli Angeli di un cittadino di nazionalità nigeriana, classe 1992, regolare sul territorio nazionale, già conosciuto alle Forze dell’Ordine per i suoi precedenti di polizia e già arrestato dalla Polizia di Stato per resistenza a pubblico ufficiale. Tali precedenti sono valsi all’uomo l’emissione a proprio carico del provvedimento del Foglio di Via Obbligatorio dal territorio assisano.
Condotto presso il Commissariato l’uomo, dopo essere stato fotosegnalato, veniva denunciato in stato di libertà per la violazione del provvedimento del Questore emesso a suo carico a settembre 2018. Inoltre nel corso di un ulteriore servizio di controllo e monitoraggio dei flussi passeggeri nella stazione ferroviaria di Santa Maria degli Angeli gli uomini del Commissariato rintracciavano, nella sala d’attesa un 39enne, di origini jugoslave, con numerosi precedenti di polizia con a proprio carico un provvedimento del Questore, c.d. “Daspo Urbano”.

Tale misura veniva emessa nei suoi confronti a seguito di numerosi ordini di allontanamento emessi dalle Forze dell’Ordine ai sensi dell’art. 10 del DL 14/2017 dall’area della stazione in quanto, con le proprie condotte moleste, l’uomo di fatto ne limitava la libera fruibilità agli altri viaggiatori. Il soggetto in evidente violazione del provvedimento del Questore veniva deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà. (nella foto, il dirigente del Commissariato di Assisi) (95)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini