BIZZARRI-e-i-sassi-del-mare-26.12.14-720x415Norcia, 5 novembre 2020 – Che fine hanno fatto le opere d’arte donate dal maestro Sergio Bizzarri alla città di Norcia? Lo chiedono all’amministrazione comunale i consiglieri del gruppo ‘Noi per Norcia’ attraverso una interrogazione consiliare che prende spunto da una lettera aperta che il pittore spoletino scrisse all’indomani del  devastante terremoto del 30 ottobre 2016. Il maestro Bizzarri nel 2012, per il legame affettivo sempre avuto con Norcia, donò alla città di Norcia 39 opere pittoriche su tavola e tela, di diverso formato, realizzate tra il 1995 e il 2012. Tali opere vennero collocate in quattro sale del piano terra del museo della Castellina di Norcia come mostra permanente ampliando in questo modo il patrimonio artistico e culturale della comunità nursina. Durante gli eventi sismici del 2016 tutte queste opere si trovavano all’interno della Castellina che, come è noto, è stata resa inagibile dal sisma.

Nel 2017 – scrivono i consiglieri Giampietro Angelini, Cristian Coccia, Antonio Duca e Pietro Iambrenghi,  il maestro Bizzarri scrisse  una lettera aperta alla città nella quale, oltre a ricordare le motivazioni della donazione, evidenziò di non aver ancora avuto nessuna conoscenza delle sue opere augurandosi che non sia andato disperso il suo “piccolo tributo d’amore alla città di Norcia”.

Dal momento che non è chiaro dove siano ora le 39 opere d’arte di Bizzarri i consiglieri del gruppo ‘Noi per Norcia’ hanno posto all’amministrazione comunale i seguenti quesiti:

  • Se è stata data una risposta al maestro Sergio Bizzarri sulle opere donate alla città di Norcia;
  • Se la donazione del maestro Bizzarri è stata ufficializzata con la firma di un contratto acquisendo tali opere al patrimonio comunale;
  • Se è stato quantificato il valore delle opere donate dal maestro Bizzarri;
  • Se le 39 opere pittoriche del maestro Bizzarri sono ancora all’interno della Castellina resa inagibile dagli eventi sismici del 2016;
  • In tal caso, se la permanenza all’interno della Castellina inagibile ha compromesso lo stato di conservazione delle opere pittoriche (ad es. per effetto del sisma, per l’escursione termica per il guano dei piccioni entrati all’interno dell’edificio….).
  • Se è intenzione dell’amministrazione, qualora non lo avesse già fatto, recuperare le opere del maestro Bizzarri all’interno della Castellina ed individuare un luogo idoneo per la loro conservazione
  • Se, invece le opere sono state recuperate, dove sono custodite attualmente.

  (143)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini