UMBRIAPerugia, 9 novembre 2020 – Da mercoledì 11 novembre, l’Umbria diventerà zona arancione. Lore insieme , Basilicata, Liguria e Toscana. Il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà domani il decreto avranno decorrenza da mercoledì. La governatrice dell’Umbria, Donatella Tesei, afferma che la decisione è stata giocoforza dopo la valutazione dei dati sui contagiati. La curva è in crescendo. Pertanto, da mercoledì cambiano le regole: i cittadini non possono spostarsi in altre regioni salvo comprovati motivi di lavoro, di salute o di necessità. Sono vietati anche gli spostamenti fuori dal proprio comune salvo i soliti motivi di lavoro, salute o necessità (serve l’autocertificazione). Si può fare sport purché all’aperto e all’interno del proprio comune, sono chiuse palestre, piscine e centri sportivi. Ovviamente vale il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino come in tutta Italia.  Chiusi bar, ristoranti e pasticcerie, che possono fino alle 22 vendere cibo da asporto. Negozi aperti ma chiusi i centri commerciali non alimentari nei festivi e prefestivi.

  (181)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini