L’eno gastronomo Paolo Massobrio è la bandiera di questa filosofia

1Perugia, 18 novem,bre 2020 – Il mercato gastronomico è sempre alla ricerca e alla promozione di sapori nuovi, creati magari con l’aiuto della tecnologia, dimenticando o trascurando l’uso di prodotti naturali, genuini quelli che davano gusto e sapori ai cibi sulla tavola dei nostri nonni. Ci sono però in Italia numerosi produttori che si preoccupano non solo di dare un valore economico a quanto propongono, ma si sentono debitori e garanti di tutelare la salute del consumatore e di offrire al suo palato gusti particolari, dimenticati, trascurati…”quelli di una volta.” L’eno gastronomo Paolo Massobrio è la bandiera di questa filosofia e nei suoi appuntamenti della rassegna “golosaria” a Milano riserva una vetrina ai migliori 200 “artigiani del gusto in Italia”. In questa vetrina è stata inserita, unica azienda umbra nel settore, “I Lupatelli, salumieri in Perugia”. Fondata e diretta da Giancarlo Lupatelli e condotta con l’aiuto dei figli, della moglie e la collaborazione di “norcini” ricchi di esperienza, di volontà e di passione per il proprio lavoro.

Da qualche anno l’azienda attinge ad allevamenti di suini allo stato brado con le cui carni propone insaccati e salumi di alta qualità e dai “sapori di una volta” con i quali è riuscito a convincere e a conquistare una clientela diventata ormai fedele consumatrice di “sapori” retaggio della civiltà contadina di cui oggi, e non solo per le carni, c’è una riscoperta e una rivalutazione.

Nei laboratori di Perugia si continua ad attingere alle tradizioni e ai segreti di un mestiere lungo come la storia per consentire alla lavorazione manuale di conservare e di accrescere tutta la qualità e la bontà di allevamenti che derivano tradizione e gusto dall’antichità e dalla natura.

Le soddisfazioni per l’azienda sono giunte anche dall’estero con la presenza, negli anni scorsi, a fiere e mercati del settore e quest’anno annullati causa COVID 19. I Lupatelli hanno avuto l’onore e il piacere della concessione da parte dell’Amministrazione comunale del simbolo della Fontana Maggiore come logo aziendale. I loro prodotti sono quindi anche un messaggio di Perugia e delle sue eccellenze da far conoscere in Europa e nel mondo, un messaggio di cultura contadina, di sapori genuini, di storia e di “sapere” non soltanto gastronomico.

  (76)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini