Featured Image

Assisi, Papa Francesco ha firmato l’enciclica

1 16.53.20Assisi, 3 ottobre 2020 – Assisi è diventata ormai familiare a Papa Francesco. In questa terra, dove si condensa il respiro del mondo, millenario crocevia di pellegrini, oggi pomeriggio il Papa ha celebrato le mesa sulla tomba del poverello, l’uomo che ogni essere umano, credente o non credente,  rispetta, e firmato il documento “Fratelli tutti”. La giornata ha proiettato Assisi sulla ribalta internazionale. Una giornata storica, non solo per la città, ma anche e soprattutto per tutta la chiesa cattolica. Ad assistere alla celebrazione il vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, mons. Domenico Sorrentino, dal delegato pontificio per le basiliche francescano di Assisi, cardinale Agostino Vallini, e una ventina di frati, tutti con le mascherine e nel rispetto delle norme anti-Covid. … Continua a leggere

Featured Image

SCOPERTA UNA PAGINA DI RINASCIMENTO A VALLO DI NERA

1Vallo di Nera, 12 settembre 2020 – Un pomeriggio veramente storico per Vallo di Nera: scoperta una pagina del Rinascimento nel borgo medioevale. E’ accaduto in via santa Caterina. Si tratta di un affresco, datato tra il 1460 e il 1470, raffigurante la Madonna con bambino e gli angeli reggicortina. E’ stato recuperato grazie ad una raccolta fondi. L’opera si trova sull’angolo della parete di una casa privata e a risalire all’anagrafe è stato lo storico dell’arte, prof. Bruno Toscano, il quale ha pure ipotizzato che la mano dello sconosciuto artista potrebbe essere quella di pittore spoletino dell’epoca, tale Frangioli. Non si conosce il nome della famiglia che nel 1460 commissionò al Frangioli l’opera. Sicuramente lo scopriremo presto attraverso le … Continua a leggere

Featured Image

2020, L’ANNO ZERO DELLA QUINTANA

Massimo Gubbini, portacolori del rione Croce Bianca, vincitore della Sfida 2019

Massimo Gubbini, portacolori del rione Croce Bianca, vincitore della Sfida 2019

Foligno, 8 settembre 2020 –  Se è vero, come è vero, che il cavallo è il protagonista della gara storico-equestre, altrettanto si può dire del cavaliere. Da quando molti rioni hanno le scuderie, potrebbero raccontare chissà quanti aneddoti e storie sui loro binomi. Sui portacolori le contrade ripongono tutte le speranze di vittoria, a volte attesa per anni. I cavalli, tutti di razza purosangue dal 1990 fanno registrare tempi da brivido. Coprono i 750 metri del percorso a forma di otto, sotto il minuto. Durante la gara, senti in modo distinto il tambureggiare degli zoccoli dei cavalli, perché gli spettatori restano in religioso silenzio. Se con il binocolo guardi … Continua a leggere

Featured Image

Sisma 2016, grandi ritardi nella ricostruzione pubblica e privata

0Norcia, 24 agosto 2020 – Camminando, senti venirti addosso ancora le ferite prodotte dal terremoto nel 2016; soprattutto senti venirti addosso il silenzio delle vetrine sbarrate, proprio quelle porte e vetrine dalle quali, di solito, straripava un profumo avvolgente che era semplicemente l’avanguardia di quel bendidio di norcineria che è il marchio di fabbrica di questa valle. Ora quel profumo è ripreso, perché qui c’è gente tosta. E’ finito il momento delle lacrime, anche se ogni tanto riaffiorano, ma nell’intimità, in quell’eterna altalena tra i ricordi sfarinati dalle scosse ed il futuro appeso più alla speranza che alla certezza. In compenso, non c’è stato bisogno di incoraggiare i nursini a reagire.  Loro sono avvezzi da generazioni a reagire, ad alzarsi … Continua a leggere

Featured Image

BUON FERRAGOSTO! UNA VOLTA ERA LA FESTA DEI CONTADINI

1Perugia, 15 agosto 2020 – Festa antica, il Ferragosto. Festa di mezza estate. Un vecchio contadino mi racconta che si impegnava parecchio a lavorare nei campi nel mese di luglio, perché voleva festeggiare il ferragosto senza nemmeno alzare un dito (si fa per dire, perchè le bestie erano comunque accudite). La festa era vissuta sostanzialmente in modalità laica e per chi sudava nei campi era un giorno speciale, dove nel paese erano organizzati eventi modaioli, culturali, concerti, giochi e perfino tornei cavallereschi. Si metteva il vestivo che teneva solo la domenica o per le occasioni speciali. Adesso, questi racconti ci fanno sorridere, sono provinciali, forse incolti e ingenui ma belli, perché nella loro voglia di godere il giorno, la Continua a leggere

Featured Image

ASSISI, A MEZZANOTTE SI CONCLUDE LA FESTA DEL PERDONO

1ASSISI, 2 agosto 2020 – Da otto secoli c’è una speciale ricorrenza religiosa che rende la città di Assisi meta di pellegrinaggio per migliaia di fedeli da ogni parte del mondo: è la Festa del Perdono, in Porziuncola. Iniziata ieri, la festa si concluderà oggi, domenica, alla mezzanotte. Il singolarissimo privilegio dell’Indulgenza, ricorda quello del 2 agosto del lontano 1216, in occasione della festa della Madonna degli Angeli, che Francesco gridò entusiasta alla folla radunatisi intorno a lui e alla Porziuncola: «Vi voglio mandare tutti in paradiso, e vi annuncio un’indulgenza, che ho ottenuto dalla bocca del sommo pontefice. Tutti voi che siete venuti oggi, e tutti coloro che ogni anno verranno in questo giorno, con buona disposizione di cuore … Continua a leggere

Featured Image

VALNERINA: STORIE DI PAESI, UOMINI E GREGGI

1Valnerina, 2 agosto 2020 – Sembrano storie d’altri tempi e forse lo sono, perchè a Norcia una volta c’erano i pastori. Ci sono anche oggi (pochi) ma io sto parlando di quelli della antica tradizione locale. Il gregge era il loro orgoglio e vivevano tutto l’anno nei loro paesini di montagna. Poi, quando gli ultimi anziani si sono ritirati dall’attività, sono arrivati dall’Albania, dalla Serbia e dalla Jugoslavia i servi pastori. Erano gli anni a cavallo fra il 1970 e il 1980. Ricordo che, nel 1986, quando andai a Norcia per realizzare il mio primo speciale sulla città di san Benedetto come direttore responsabile del periodico Il Cittadino, incontrai sul Pian Grande un pastore che faceva il formaggio all’aperto. Conobbi … Continua a leggere

Featured Image

VIAGGIO NELL’ANTICA CITTA’ ROMANA DI URVINUM HORTENSE

3Cannara, 19 luglio 2020 – Superato il centro abitato di Cannara, seguiamo l’indicazione Pomonte e, attraverso la provinciale 412, arriviamo nel piccolo borgo di Collemancio. Un tempo era un castello fortificato. Prima di entrare all’interno del robusto cassero con le sue solide mura a strapiombo, andiamo a visitare gli scavi che hanno messo in luce Urvinum Hortense. Saliano attraverso un sentiero e, una volta arrivati in cima, le maestose rovine del municipio romano ci vengono subito incontro. Ci fermiamo per prendere fiato e per approfittare del magnifico e vastissimo orizzonte sulla valle. Lo sguardo si perde nell’infinita bellezza acquarellata del paesaggio di Assisi, Spello e la valle del Subasio. Ecco spiegato, perché i Romani collocarono in questo punto il municipio … Continua a leggere

Featured Image

L’APPELLO DISPERATO DEL TARZAN UMBRO PER SALVARE IL LEO WILD PARK DI TODI

3Todi, 28 maggio 2020 – L’emergenza Covid 19 non può mettere una ipoteca sul futuro di una delle oasi naturali e ricca d’acqua dell’Umbria: il Leo Wild Park. Si trova a Todi, nella zona di Collevalenza, immersa nel verde di una parco da sogno, con tanta fauna indigena ed esotica. Il parco si trova all’interno della tenuta agricola di famiglia di Franco Todini, imprenditore di origini tuderti, fondatore dell’omonimo gruppo industriale, ed è stato riqualificato e lanciato da Leonardo Boccanera. Un quarantenne che ha fatto della sua passione per gli animali una professione. Il lockdown disposto per contenere la diffusione del coronavirus e la mancanza di un pacchetto di aiuti economici, hanno messo a dura prova Leonardo,, … Continua a leggere

Featured Image

NORCIA, CON LA LA PANDEMIA TUTTO E’ PIU’ DIFFICILE

a1Norcia, 13 aprile 2020 – Strade deserte, il centro storico ancora più fantasma. Una vera desolazione. Per fortuna c’è solo qualche caso da Covid 19, altrimenti bisognava dire che il destino si sarebbe accanito contro questa terra dove da millenni si respira a fondo l’ordine antico e la forza della natura. La situazione sanitaria è sotto controllo. La Pasqua festeggiata dagli sfollati nelle casette, però, ha avuto un velo di mestizia e tristezza in più. L’arcivescovo di Spoleto, nel suo messaggio alla comunità, ha detto: “In questo panorama tenebroso, sentiamo di aver bisogno più che mai di un raggio di luce e lo veniamo a cercare, mendicanti, presso la memoria viva del grande Santo di Norcia, Patriarca del Monachesimo occidentale, … Continua a leggere