Featured Image

MONTEFALCO, IL VECCHO SCARPARO RACCONTA

1Montefalco, 27 novembre 2019 – Quelle scarpe, spesso malconce per la strada che avevano fatto, le affidavano a Pierino con il cuore un po’ triste, perché non avevano sempre il ricambio. E lui, che si chiama Pietro Nocchi, agricoltore e ciabattino per passione, col suo camice che sembrava rubato all’atelier di un pittore, macchiato di lucidi multicolori e intriso di odori acri, sorrideva sempre dicendo di ripassare fra qualche giorno. Con gesti sapienti, un po’ di colla per la tomaia e un colpetto col martello sul deschetto, anche il tacco tornava a chilometri zero. Pietro è stato l’ultimo calzolaio di Montefalco. La sua bottega, se così può chiamarsi l’angusta stanza dove ancora oggi aggiusta qualche paio di scarpe per la … Continua a leggere

Featured Image

FOLIGNO, “LU MICIU” IL PRINCIPE DEI FUNGAIOLI

1Foligno, 17 novembre 2019 –   Un uomo per tutte le stagioni. Si alza sempre all’alba per andare in montagna, fra le creature del bosco, tutte affascinanti e misteriose. Ritorna a casa a mezzogiorno, dopo ore di cammino fra Aceri, Querce, Faggi e altri alberi, portando al seguito il suo cesto pieno di funghi profumati, bacche deliziose per le marmellate, pregiati tartufi neri e erbe officinali. Terminata l’escursione, si mette ai fornelli e cucina magistralmente il “bottino” per amici e parenti.  Il solitario cacciatore di funghi, che ama la neve dell’inverno, i profumi della primavera, l’ombra dell’estate e i fantasmagorici colori dell’autunno, è un folignate, si chiama Maurizio D’Amato. Chi lo conosce bene, afferma che Maurizio è come l’acqua dei torrenti: … Continua a leggere

Featured Image

QUEL GIORNO IN VIGNA A MONTEFALCO CON MARIO E ISOLINA

1MONTEFALCO, 16 nopvembre 2019 – Affascinano quando parlano del loro vissuto, un amore inossidabile che fa da esempio per ogni generazione. I coniugi contadini, anzi piccoli imprenditori agricoli, sono Mario Cariani e Isolina Micanti. Abitano nella tranquilla campagna di Cerrete di Montefalco e sono entrambi felici di condividere insieme le fatiche e le gioie, ma anche l’amore per la famiglia, i figli e i nipoti. Mi danno appuntamento in cantina, una volta considerata la cassaforte del contadino. Sul piazzale della casa, l’odore del mosto già in fermentazione è inebriante. E’ un profumo dolciastro, avvolgente. Ad azionare il vecchio torchio idraulico c’è Domenico, un amico dei Cariani. Subito dopo Mario ci fa salire in soffitta, dove su rudimentali graticci, detti camorcanne, … Continua a leggere

Featured Image

A TRE ANNI DAL TERREMOTO…NORCIA, CHE DESOLAZIONE

1NORCIA, 30 ottobre 2019 -Sono passati tre anni, ma chi c’era ed ha vissuto la terribile scossa, non potrà mai dimenticare le urla della gente in fuga, il sibilo sinistro delle sirene, le case lesionate, crollate o rese inagibili, come pure l’opera dei Vigili del Fuoco, del 118 e dei volontari, provenienti da ogni parte d’Italia. Rileggendo il mio taccuino di “viaggio”, lo trovo pieno d’impressioni e d’appunti. Volando con l’elicottero dei vigili del fuoco sopra il disastro dei paesini fantasma, il pilota commenta: “Ho l’impressione di essere sopra la verticale dell’inferno, come se questo territorio fosse stato colpito da un’esplosione”. La geografia del dolore è impressionante. Nei volti degli anziani, impadroniti dal terrore, le giornate sempre più confuse. Con … Continua a leggere

Featured Image

Il ministro Bellanova a Foligno:”Ancora pochi i giovani agricoltori”

1FOLIGNO, 24 ottobre 2019 –  Su cinque imprenditori agricoli, solo uno ha 40 anni. Lo ha detto alla conferenza stampa di presentazione del programma “Frantoi Aperti”, il Ministro delle politiche agricole, Teresa Bellanova. L’accesso alla terra, dunque, rimane il fattore critico principale e, dall’antica abbazia di Santa Croce di Sassovivo a Foligno, il Ministro ha lanciato un appello affinché «anche i figli dell’èlite facciano impresa a sostegno della redditività». Molto preparata e competenete in materia, la Bellanova ha affrontato diversi temi, tutti sciorinati con grande sintesi e con un linguaggio semplice, senza mai parlare in politichese. Ha esordito affermando che «da ottobre a dicembre in Umbria si vive un momento di grande festa, che va dalla raccolta delle olive fino … Continua a leggere

Featured Image

A FOLIGNO IL TORCHIO MANZONIANO

1FOLIGNO, 10 settembre 2019 – C’è un angolo del centro storico di Foligno, dove il tempo si è fermato a Gutenberg. Qui, in via via della Rosa, un vicolo che collega via Mazzini con Piazza San Francesco, “dorme” un prestigioso torchio del 1840. E’ quello con il quale Alessandro Manzoni, dopo la revisione linguistica del suo capolavoro letterario, ordinò la ristampa dell’edizione detta “Quarantana” dei Promessi Sposi, ricca di illustrazioni. Lo fece dopo aver trascorso dieci anni a Firenze, città prediletta della Toscana. Manzoni individuò nella lingua fiorentina una sorta di egemonia culturale, quella più adatta al suo scopo. Lo scrittore corresse quindi in fiorentino la seconda edizione de “I Promessi Sposi” uscita dal torchio che si trova a Foligno. … Continua a leggere

Featured Image

MARIO TEMPERINI, IL “RANGER” CHE HA UN CAVALLO PER AMICO

1RIVOTORTO (Assisi), 9 settembre 2019 – Dicono che per sapere quanto è generoso il cuore di una persona, basta vedere in che modo tratta gli animali. Analizzando questo dato, Mario Temperini ha sicuramente un cuore d’oro. A lui gli animali regalano la felicità e, ogni giorno, Artù, un bel lipizzano di 17 anni, in cambio gli dona emozioni indescrivibili. Davanti a lui si scioglie, si fa coccolare come se fosse un gattino e, dopo tante tenerezze, bacia il suo padrone. Insomma, l’uomo che “sussura ai cavalli” esiste davvero ed è noto per la sua capacità di comprenderli. Mario (Mario Staf per gli amici) un folignate, ormai assisiate d’adozione, sulle cui spalle si sono posati da un pezzo sessant’anni, è convinto … Continua a leggere

Featured Image

Assisi, «Il Calendimaggio è solo nostro»

calendimaggioASSISI – Te lo dicono in faccia, senza mezzi termini: «Il calendimaggio è solo nostro –mi dice un partaiolo- non è una manifestazione riesumata per turisti (come da altre parti) fa parte della vita del popolo assisiate e dei suoi sentimenti». Alla faccia del cartello che dà il benvenuto agli ospiti e ti ricorda che Assisi è “la città della pace”. In fondo, però, ne fanno un appuntamento straordinario, perché il ritorno della Primavera è celebrato secondo le antiche tradizioni pagane. Cerro, aprirsi un po’ di più a chi arriva da “fora le mura” sarebbe rispettare in pieno gli insegnamenti di Francesco. D’altronde, il Medioevo ce lo siamo lasciati alle spalle e il Calendimaggio è solo il set di un … Continua a leggere

Featured Image

ASSISI, STRAORDINARIO IL “BORGO ANTICHI ORTI”

1ASSISI – Aprirà ufficialmente al pubblico, con la locanda e cocktail bar, venerdì 22 marzo alle ore 19. Stiamo parlando del “BORGO ANTICHI ORTI“, che sorge sotto al sacro convento, alle porte della città serafica, nell’esclusivo ex monastero benedettino,edificato fra il 1444 ed il 1600, e trasformato in un resort straordinario. Si estende tra cielo e terra in un parco bio-conservativo di 50.000 mq totali, di cui 7.000 residenziali, dove piacere e benessere convivono tra cibo, ambiente, paesaggio mozzafiato e storia.  Ci sono suite per 30 posti letto, locanda, lab spargirico (bar – mescita di prodotti di alta qualità e home made realizzati con alambicchi in vitro),far bar, centro multifunzionale,  aula magna (200 posti), laboratorio scuola beverage, laboratorio scuola … Continua a leggere

Featured Image

PERUGIA, NOSTRA INTERVISTA AL COMANDANTE DEI VIGILI DEL FUOCO

zappiaPERUGIA – Una storia fatta di passione, amore, coraggio ed onestà. Sin dalla notte dei tempi, sono sempre in prima linea con la forza delle loro braccia, ma soprattutto con il calore del loro cuore, per fronteggiare incendi, terremoti, alluvioni, frane e catastrofi. Sono i Vigili del Fuoco, che molti continuano a chiamare amorevolmente pompieri. Abbiamo intervistato il comandante provinciale di Perugia, ingegnere Michele Zappia. E’ un uomo preciso e pignolo, proviene dalla Calabria ma è trapiantato in Umbria da molti anni. Si limita a fare un discorso netto, determinante, senza troppa arte oratoria. Un vero signore, dal sorriso contagioso.

L'ing. Michele Zappia durante l'intervista con il nostro inviato

L’ing. Michele Zappia durante l’intervista con il nostro inviato

2La provincia di Perugia è un territorio difficile per il Continua a leggere