Panchina contro il femminicidio a RapalloPerugia, 24 novembre 2020 – “La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, quest’anno assume un significato ancora più profondo”: lo afferma l’assessore alla Salute e al Welfare, Luca Coletto. “In questa fase, a causa della pandemia, sono saltati molti schemi e molte abitudini sociali e, purtroppo, molte famiglie hanno perso anche la stabilità economica. Inoltre, parecchie donne si trovano a condurre tra le mura domestiche, oltre all’abituale lavoro di cura dei familiari, anche le attività lavorative, con un aggravio di pressione anche sul fronte psicologico. Tutto questo, di certo, ha aggravato situazioni, già di per sé limite, facendo registrare un aumento di casi di violenza domestica e maltrattamenti. I dati ancora una volta confermano che c’è ancora tanta strada da fare e che le donne, che siano madri, mogli o figlie, non sempre nelle loro case sono al sicuro”.

“La Regione Umbria – continua l’assessore – da sempre è impegnata in un’attività volta a difendere la dignità della donna e a costruire percorsi di prevenzione del fenomeno e presa in carico delle richieste di aiuto. Come assessore alla Salute, – prosegue Coletto – rinnovo ancora una volta ai medici e agli operatori sanitari l’invito di continuare a denunciare alle autorità competenti ogni qualvolta ci sia un minimo segnale di violenza, perché spesso le donne, anche per paura, non lo ammettono”.

Concludendo l’assessore ricorda che la Regione negli anni ha attivato molte iniziative nelle scuole per promuovere una cultura del rispetto a partire dalle giovani generazioni.

(59)

Share Button