A DIGOSPerugia, 3 dicembre 2020 – Cattura lampo della Polizia di Stato a Perugia, grazie alla quale è stato assicurato alla giustizia un cittadino tunisino 44enne che, nonostante fosse già sottoposto a misure cautelari non detentive, aveva continuato a perpetrare numerosi reati, soprattutto contro il patrimonio nella zona dell’acropoli.
In particolare il suddetto cittadino straniero era già stato arrestato nel mese di ottobre in flagranza di reato da parte dei poliziotti del centro storico per il furto di un borsello contenuto all’interno di un furgone.

A seguito dell’emanazione del provvedimento di cattura da parte del Giudice per le Indagini Preliminari, rilasciato su richiesta del P.M. titolare del fascicolo, i poliziotti della Squadra Volante, diretti dal Commissario della Polizia di Stato dr.ssa Monica CORNELI, si sono messi subito alla ricerca del cittadino tunisino battendo tutte le zone da quest’ultimo abitualmente frequentate, con particolare riferimento al centro cittadino.
Ad un certo punto i poliziotti notavano il ricercato nell’acropoli quando, quest’ultimo, sentendosi braccato dagli Agenti che gli stavano addosso, iniziava una precipitosa fuga per le vie del centro.
I poliziotti della Squadra Volante non demordevano e, grazie ad una manovra a tenaglia, bloccavano definitivamente il fuggitivo.

Il cittadino tunisino bloccato dagli Agenti, poi risultato perfettamente corrispondente al soggetto ricercato dalle Forze dell’Ordine, veniva tra l’altro trovato in possesso di un taglierino e di un paio di scarpe da donna, dei quali non sapeva giustificarne il possesso.
Al riguardo, oltre ad essere deferito all’Autorità Giudiziaria per il possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere e ricettazione, il cittadino tunisino veniva condotto in carcere in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(156)

Share Button