1Assisi, 9 dicembre 2020 – Una truffa sentimentale. A cadere nella rete di un finto amore una povera donna, 49enne, la quale vittima della solitudine, veniva adescata nel web da un uomo, un finto medico chirurgo impegnato professionalmente in un’importantissima organizzazione internazionale umanitaria. Dopo i primi contatti i due iniziavano una vera e propria “storia d’amore” via chat che sarebbe culminata anche in una proposta di matrimonio.
L’uomo le mandava spesso foto ritraenti un fascinoso medico in corsia. Conquistata la fiducia, ma soprattutto il cuore della donna e facendo leva sulla sua buona fede, l’uomo cominciava a farle richieste economiche per le più svariate motivazioni. La donna, presa dall’enfasi dell’attrazione effettuava così in suo favore bonifici bancari per una somma di circa 7000 euro. Non contento dei soldi già incassati, il finto medico chiedeva alla donna altro denaro. La 49enne però, oramai al verde, non riusciva a soddisfare questa ulteriore richiesta.
Fu allora che, in un momento di lucidità, la vittima riprendeva in mano la situazione e decideva di interrompere ogni rapporto con l’uomo e di recarsi presso il Commissariato di Polizia di Assisi dove gli agenti raccoglievano la sua denuncia. Venivano effettuati subito i dovuti accertamenti anche bancari grazie ai quali i poliziotti riuscivano a risalire alla vera identità del finto medico che aveva intascato i soldi, si trattava di un nigeriano, 24enne, incensurato e regolare sul territorio nazionale, residente nella provincia di Cesena. L’uomo veniva immediatamente localizzato e deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di truffa.

(121)

Share Button