1Assisi, 12 dicembre 2020 – A seguito della strategia di intensificazione delle attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio della provincia voluta dal Questore di Perugia, Dr. Antonio Sbordone, gli agenti del Commissariato P.S. Assisi hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di due cittadini di nazionalità albanese arrivati in Italia da pochi giorni, che soggiornavano presso una struttura ricettiva della zona.
Gli uomini dell’Ufficio Anticrimine scoprivano una piazza di spaccio nella Frazione di Rivotorto di Assisi.
Veniva così predisposto un servizio di osservazione in cui si riuscivano a notare due individui che a bordo di un‘autovettura effettuavano quella che presumibilmente appariva come una cessione di stupefacente ad un individuo che appiedato si avvicinava alla loro auto. Pertanto, i poliziotti decidevano di fermare l’autovettura nei pressi di un’attività commerciale a Bastia Umbra e procedere così al controllo dei due occupanti.
All’interno dell’autovettura venivano rinvenute 5 bustine termosaldate contenenti circa 3 grammi complessivi di sostanza stupefacente tipo cocaina e la somma in contanti di più di 600 euro.

I due soggetti a quel punto venivano identificati in due cittadini di nazionalità albanese, di 33 e 31 anni, sconosciuti alle FFOO italiane.
Nel frattempo altro personale aveva fermato l’acquirente, un 56enne, di origini tunisine. Gli agenti procedevano alla sua perquisizione estesa anche all’abitazione con esito positivo. Rinvenivano infatti sul tavolo della cucina un bicchiere con all’interno un cucchiaino dove era stata disciolta la sostanza stupefacente. Successivi esami della polizia scientifica accertavano la presenza di residui di cocaina.
I due albanesi venivano tratti in arresto per il reato di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti e, su disposizione del P.M. di turno venivano accompagnati presso le camere di sicurezza della Questura di Perugia. L’udienza svoltasi nella mattinata odierna ha convalidato l’arresto.

(153)

Share Button