1Foligno, 14 dicembre 2020 – Vuscom SpA ha presentato lunedì mattina, durante una conferenza stampa telematica trasmessa dalla sede di Foligno, l’anticipazione del risultato del lavoro svolto nel 2020, anticipando di essere pronta ad affrontare il 2021 all’insegna dello sviluppo conseguente ad un riposizionamento strategico già preparato con cura a partire dalla fine del 2019. I risultati di un anno difficile Questo 2020 è stato un anno difficile, caratterizzato dalla crisi pandemica che ha contratto i consumi della clientela “Business” e ha acceso una volatilità dei prezzi delle materie prime mai vista negli ultimi quaranta anni; tutto ciò ha generato qualche ritardo nei piani di sviluppo programmati. In ogni caso il risultato aziendale è stato preservato, senza alcun ricorso alla cassa integrazione (dunque salvaguardando gli stipendi dei dipendenti) e senza alcun ristoro o contributo pubblico. Infatti la Società che nel 2018 aveva realizzato un utile di circa 800 mila euro, con l’insediamento del nuovo CdA ad inizio 2019, ha intrapreso un percorso di ammodernamento e managerializzazione delle attività di sviluppo clienti conseguendo un importante risultato. Questo lavoro nel 2019 ha portato a un utile di circa 1 milione di euro. Continuando su questo percorso, la Vuscom, pur in un anno difficile a causa della pandemia, si appresta a chiudere il 2020 con un risultato che potrebbe non essere molto lontano dagli 800 mila euro.

Pronti per lo sviluppo dell’azienda Dal punto di vista organizzativo è stata completata la revisione dei processi interni ed è in fase conclusiva l’evoluzione dei sistemi informativi (che ha assorbito molte energie e impiegato personale, in un momento storico così complicato); tali fasi erano preliminari e necessarie ad affrontare e sostenere i progetti di sviluppo che potranno ora essere applicati. Inoltre, negli ultimi mesi di quest’anno è stata anche approvata la nuova struttura organizzativa della società e la nomina del nuovo Direttore. Per quanto riguarda la copertura del servizio, infine, è stata ampliata la nuova rete territoriale di vendita.

Un nuovo posizionamento strategico Dal punto di vista del posizionamento strategico l’offerta Vuscom si baserà su tre pilastri: prezzi competitivi ; orientamento al servizio; vicinanza alla clientela. Dal punto di vista della competizione le linee di azione saranno anch’esse tre: incremento della “Brand Awarness”; allargamento dell’offerta al settore dell’energia elettrica; allargamento dell’area geografica. Obiettivo della prima linea di azione sarà la diffusione del marchio, con concetti di servizio e vicinanza, in un’area più estesa; oggi Vuscom opera solo in una parte dell’Umbria con una quota di mercato regionale di circa l’11%. Obiettivo della seconda linea di azione è la fidelizzazione della clientela con un’offerta più completa, integrando gas ed energia elettrica. Obiettivo della terza linea di azione è la crescita, per affrontare il libero mercato con una scala dimensionale adeguata e l’obiettivo di aumentare la copertura territoriale in Umbria, di entrare nel mercato delle Marche, con sconfinamenti in Toscana e alto Lazio.

“È necessario un cambio di passo” Al termine dell’incontro la Presidente Valentina Sabatini ha dichiarato: “Veniamo da anni in cui la Società ha gestito bene l’esistente, però l’immobilismo ha generato stabilità dei flussi finanziari, ma dal 2014 un lento e progressivo calo del numero dei clienti. Oggi, a seguito del cambiamento delle normative, siamo all’inizio di un processo di modifica strutturale dell’industria energetica che genererà un processo di concentrazione degli operatori; è dunque necessario un cambio di passo, una accelerazione. Vuscom oggi ha le carte in regola ed è pronta a giocare un ruolo da protagonista e, al fine di preservarne la sopravvivenza nel lungo termine, è indispensabile una crescita dimensionale ed un allargamento dell’offerta anche ad altri servizi di rete, come l’inserimento dell’energia elettrica ”.

 

(150)

Share Button