1Perugia, 18 dicembre 2020 – In questi giorni, i Carabinieri di Perugia, oltre a essere impegnati in prima linea nei servizi connessi al controllo della movida perugina e al rispetto delle normative anti CoVid, proseguono, attraverso un massiccio dispositivo di rafforzamento delle forze presenti sul territorio, nell’impegno finalizzato a fronteggiare qualunque emergenza. Nel tardo pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione CC di Ponte Pattoli, infatti, nell’ambito di mirati servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto, in flagranza, per le ipotesi di reato di resistenza e violenza o minaccia a P.U., furto aggravato e porto abusivo di armi od oggetti atti a offendere, un 64enne italiano, residente nel Lazio, di fatto senza fissa dimora, disoccupato, noto alle forze di polizia. Nella circostanza, i militari operanti attivati dalla locale Centrale Operativa, sono intervenuti presso il supermercato “Conad” ubicato in località Piccione, dove l’uomo, poco prima, dopo aver infastidito alcuni clienti, aveva illecitamente asportato alcuni generi alimentari, occultandoli all’interno di una busta in suo possesso, per poi recarsi alla cassa, esibendo e pagando soltanto una confezione del reparto gastronomia.

A quel punto, il titolare dell’esercizio commerciale ha chiesto all’uomo di mostrare lo scontrino per la merce contenuta nella borsa, ma questi, sempre più agitato, affermava di averla acquistata in un altro negozio, senza tuttavia disporre di alcuna ricevuta di pagamento.

I militari, nel frattempo giunti, hanno invitato il soggetto a seguirli all’esterno del supermercato, per chiarire la situazione e generalizzarlo; a quel punto, l’uomo ha iniziato ad assumere un atteggiamento molto aggressivo, inveendo e proferendo frasi minatorie contro gli operanti, per poi tentare di estrarre dai pantaloni un grosso cacciavite e scagliarsi contro i medesimi, prima di essere neutralizzato al termine di una breve colluttazione, anche mediante utilizzo dello spray urticante in dotazione.

Trasportato al locale nosocomio per le cure del caso, l’uomo è stato dimesso senza prognosi. Per i militari, invece, la prognosi è stata, rispettivamente, di giorni 5 s.c. e di giorni 7 s.c. per leggere contusioni.

(80)

Share Button