1Passignano sul Trasimeno, 21 dicembre 2020 – Ieri, 20 dicembre, alle ore 14:30 circa, in Passignano sul Trasimeno, i militari dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. della Compagnia Carabinieri di Città della Pieve, nel corso di un servizio perlustrativo per la prevenzione e repressione dei reati in genere, hanno tratto in arresto in flagranza, per le ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e possesso di documenti di identificazione falsi, un cittadino di origini albanesi di 31 anni, domiciliato in provincia di Perugia e già noto alle forze di polizia.

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, lungo la S.R. 75 bis, all’altezza dello svincolo del raccordo autostradale Bettolle-Perugia denominato Passignano Est , hanno proceduto al controllo di un’Alfa Romeo Giulietta di colore nero con a bordo il predetto cittadino straniero. Questi, all’atto del controllo, ha esibito documenti di guida ed identità di nazionalità bulgara palesemente contraffatti, assumendo, inoltre, un atteggiamento agitato tale da indurre gli operanti a procedere a più accurate verifiche estese anche all’interno del veicolo. Nel corso della verifica i militari, dopo accurata ispezione, rinvenivano, in un’intercapedine creata sotto il sedile lato guida, due pacchetti di colore nero, con all’interno 26 involucri di cellophane termosaldati contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di grammi 26 circa.

Venivano inoltre rinvenuti, una somma di denaro pari a 500 euro, presumibile provento dell’attività di spaccio, e 2 telefoni cellulari. L’arrestato è stato quindi condotto presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Città della Pieve per le incombenze di rito; successivamente, su disposizione dell’A.G., è stato tradotto presso la casa circondariale di Perugia-Capanne.

 

(83)

Share Button