VUSPerugia 23 dicembre 2020 – “Continua ad essere inaccettabile il comportamento da parte di VUS spa, che ancora una volta nega il confronto con le organizzazioni sindacali, ma al contempo, si permette di chiudere i cancelli del sito di Norcia, in cui vengono trasportate e lavorate le macerie del sisma”. Così in una nota Fabrizio Cecchini (Fp Cgil Perugia), Pasquale Qualatrucci (Fit Cisl Perugia) e Stefano Cecchetti (Uiltrasporti Umbria) che sottolineano come i lavoratori impiegati in questo servizio, con il contratto di lavoro a tempo determinato in scadenza al 31 dicembre 2020, mercoledì 23 dicembre, si siano trovati sbarrato l’ingresso del sito.
“Un ottimo regalo natalizio – affermano ironicamente i sindacati – che dimostra il comportamento irresponsabile dei vertici di Vus, non solo nei confronti delle organizzazioni sindacali, ma soprattutto verso i lavoratori”.

Un comportamento che Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti bollano come “antisindacale” e che fa nascere nei sindacati il dubbio su quali siano le prospettive industriali per VUS nel prossimo futuro, ricordando che ad oggi l’azienda, dopo vari ed insistenti solleciti di incontro, ancora non ha dato alcuna risposta.
“Certamente continueremo ad essere vigili – concludono Cecchini, Qualatrucci e Cecchetti – auspicando il mantenimento di un’azienda pubblica, dei livelli retributivi ed occupazionali, per avere servizi di qualità, senza escludere eventuali e inevitabili azioni di forza qualora VUS continuasse con tale atteggiamento”.

(72)

Share Button