Perugia, 4 gennaio 2021 – Se Federfarma ha lanciato l’appello alla Regione Umbria per vaccinare i farmacisti, Assofarm, l’associazione che raccoglie il mondo delle farmacie pubbliche, sposa e rilancia in pieno l’idea.
“Quanto proposto dal presidente di Federfarma Umbria, Augusto Luciani – spiega il coordinatore di Assofarm Umbria, avv. Antonio D’Acunto – ha tutto il nostro appoggio. È giusto e doveroso ricomprendere in questa prima fase vaccinale anche i farmacisti. Chi lavora nelle farmacie è in prima linea fin dall’inizio della pandemia, e le farmacie sono un presidio della sanità di territorio che non può essere ignorato dalle priorità della vaccinazione anti Covid-19”.

“Oggi i farmacisti – prosegue D’Acunto – sono e continuano a essere un punto di riferimento prezioso per la cittadinanza, attori e protagonisti di un presidio sanitario irrinunciabile. Coinvolgerli nei primi step vaccinali è, non soltanto, un dovere morale, ma anche un’azione logica e coerente con il ruolo che i farmacisti sono chiamati a ricoprire. Ritengo, inoltre, che in un momento in cui anche il dibattito sulla vaccinazione vive di derive antiscientifiche, quello di schierarsi dalla parte della scienza sia un messaggio molto importante da mandare”.

(6)

Share Button