Spoleto, 15 gennaio 2021 – Fauna 2021, nell’ambito dell’evento certificato ISO 20121:2013 “Weather Spoleto 2020”, la grande manifestazione dedicata all’ambiente torna a Spoleto domani sabato 16 gennaio 2021. In programma attività didattiche (non potendo realizzarle in presenza, è stato messo a disposizione di tutte le scuole un video didattico per la conoscenza del lupo) ed il convegno scientifico nazionale (questa volta online a causa delle misure anti Covid 19) “Il Lupo in Italia: conoscenze attuali e prospettive future” con la partecipazione di esperti delle più importanti istituzioni italiane. L’iniziativa, a cui si sono già registrati 120 partecipanti, rientra nella serie di eventi annuali denominati “Fauna” e dedicati alla figura dello zoologo Bernardino Ragni, da quest’anno inseriti anche nell’evento internazionale “Weather Spoleto 2020”, il primo in Umbria ad aver ottenuto il certificato di sostenibilità avendo superato gli audit previsti dalla norma ISO 20121:2013.

L’evento “Fauna”, avviato nel 2019 con un convegno sulla figura di Ragni e proseguito nel 2020 con un convegno e iniziative collaterali dedicati al “Gatto Selvatico Europeo”, è fortemente voluto dalla famiglia Ragni, dal Comune di Spoleto e dai colleghi ed ex studenti del Professore. Nel corso dell’iniziativa si potrà approfondire la conoscenza della fauna selvatica italiana e scoprire le peculiarità della Collezione Bernardino Ragni con particolare attenzione, quest’anno, al Lupo nell’ambito del progetto del Comune di Spoleto: “La collezione Ragni come strumento per la ricerca scientifica e la memoria storica del patrimonio naturalistico spoletino e umbro”. Per iscriversi, inviare una mail di richiesta partecipazione a federica.andreini@comune.spoleto.pg.it in risposta della quale riceverete le modalità di collegamento online.

CONVEGNO SCIENTIFICO NAZIONALE ONLINE “IL LUPO IN ITALIA: CONOSCENZE ATTUALI E PROSPETTIVE FUTURE”

Sabato 16 gennaio 2021 si inizia dalle ore 9 alle ore 13 con attività di didattica ambientale rivolta alle scuole; dalle ore 14.30 alle ore 19, si terrà la diretta sul canale YouTube del Comune di Spoleto (https://bit.ly/2LpWXlW) il convegno nazionale “Il Lupo in Italia: conoscenze attuali e prospettive future” con studiosi di fama internazionale, ricercatori e rappresentanti di diverse istituzioni italiane. Il Comitato scientifico del Convegno è composto da Federica Andreini, Lolita Bizzarri, Francesca Vercillo, Andrea Sforzi, Cristiano Spilinga. L’Ente organizzatore è il Comune di Spoleto in collaborazione con il Museo di Storia Naturale della Maremma con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, PEFC e dell’Associazione Teriologica Italiana. 14.30 Saluti delle autorità (Moderatore: Andrea Sforzi, Museo di Storia Naturale della Maremma), 14.50 Piero Genovesi (ISPRA) Il Programma di monitoraggio nazionale del lupo in Italia: il progetto, gli obiettivi, i risultati attesi, 15.10 Antonino Siclari (Parco Nazionale dell’Aspromonte) Convivere con il lupo nel Sud Italia: conoscere per preservare, 15.30 Simone Angelucci (Parco Nazionale della Majella) Esperienze di ricerca e gestione della coesistenza lupo/attività zootecniche nel Parco Nazionale della Majella, 15.50 Francesca Vercillo (WildUmbria) e Andrea Mandrici (Arcadia SIT) Dal 1977 al 2017: gli studi di Bernardino Ragni sul lupo, 16.10 Proiezione del video: “”Dalla collezione Ragni al Museo delle Scienze e del Territorio di Spoleto”, 16.15 Luca Convito (Regione Umbria) Status del lupo in Umbria, 16.35 Duccio Berzi (Canis lupus Italia) La telemetria “proattiva” applicata al lupo: esperienze e prospettive di applicazioni future, 16.55 Valeria Salvadori (IEA), La piattaforma locale grandi carnivori: una esperienza locale di interesse internazionale, 17.15 Julia Stauder (EURAC) Il progetto Life “LifestockProtect”, 17.35 Francesca Marucco (Università di Torino) Status e conservazione del lupo nell’arco alpino, 17.55 l’attore Claudio Trionfi leggerà alcuni brani tratti dalle pubblicazioni di Bernardino Ragni sul lupo e chiusura dei lavori.

A tre anni dalla sua scomparsa, dopo il successo delle prime edizioni, si rinnova anche questa volta l’omaggio a Bernardino Ragni (Spoleto 1946-2018) zoologo che ha speso la sua esistenza allo studio e alla conoscenza della fauna selvatica. Una passione nata da ragazzo e che è stata poi trasferita nel suo lavoro di professore presso l’Università degli Studi di Perugia allo scopo di proteggere e conservare le specie animali e gli ambienti in cui essi vivono.

Bernardino Ragni, già ricercatore di Biologia animale e professore di Zoologia ambientale e di Gestione faunistica presso l’Università degli Studi di Perugia, esperto di biologia e conservazione dei tetrapodi, uso sostenibile e conservazione delle risorse naturali viventi, del paesaggio e del territorio, è stato autore e coautore di oltre 160 pubblicazioni scientifiche e specialistiche, membro della Species Survival Commission e del Cat Specialist Group dell’IUCN, The World Conservation Union, nonché fondatore della Società di Biologia Ambientale.

 

 

 

 

(36)

Share Button