Assisi, 19 gennaio 2021 – “Il Cantico delle creature e mens sana in corpore sano” è un programma unitario che vede insieme Assisi e la Basilicata per costruire un modello di sviluppo etico-sostenibile improntato alla diffusione di stili di vita più sani e armoniosi ispirati ai principi di San Francesco da proporre al G20 di Matera per promuovere la pace interiore e la pace tra i popoli per un mondo migliore.

A rendere noto i dettagli dell’evento è Tomangelo Cappelli, coordinatore della Regione Basilicata del programma umanitario: “L’obiettivo è quello rinsaldare i profondi rapporti tra la Basilicata e Assisi che trovano fondamento nell’accordo sottoscritto tra Regione Basilicata, Sacro Convento d’Assisi – con la firma di fra Mauro Gambetti, nominato, di recente,  cardinale da papa Francesco –  e Conferenza Episcopale di Basilicata con l’arcivescovo Francesco Nolè”.

L’incontro, in diretta streaming sulla pagina Facebook del Comune di Potenza, ha avuto inizio con l’anteprima assoluta delle note della colonna sonora, composta da Carmine Padula e orchestrata da Eduardo Caiazza, del film in onda il 3 gennaio su Rai 1 ‘La Vita di Chiara Lubich’ con Cristiana Capotondi e regia di Giacomo Campiotti.

Ha preso la parola Alessandro Galella assessore al turismo e all’ambiente del Comune di Potenza che ha annunciato la candidatura a città europea dello sport 2021 e quindi al programma a ‘Mens sana in corpore sano’ condividendo la proposta di predisporre un appello, ispirato alla Lettera ‘ai reggitori dei popoli’ di San Francesco da presentare al G20 che si terrà a Matera dal 28 al 30 giugno 2021 proprio sui temi dello sviluppo in tempi di pandemia.

Successivamente è intervenuto fra Marco Moroni, Custode Generale del Sacro Convento di San Francesco in Assisi che, ricordando bene l’accordo ‘Vivi una Vita che Vale’, si è detto disposto a proseguire nell’azione comune nel rispetto delle identità, condividendo l’attenzione alla Lettera ‘ai reggitori dei popoli’ per comprendere quanto sia importante la scelta di dare centralità  alla sacralità della vita per riscoprire i più profondi valori dell’esistenza e promuovere stili di vita più armoniosi, alla luce dei principi francescani della fratellanza, dell’umiltà e della serenità d’animo e degli orientamenti dell’Enciclica ‘Laudato sì’’ di papa Francesco.

Il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha sottolineato “l’importanza di questo evento che parla di futuro e il futuro si estrinseca innanzi tutto con i giovani che in questo periodo sono d’esempio per gli adulti perché costretti a vivere senza socialità, senza la scuola in presenza, noi li dobbiamo ascoltare, dobbiamo imparare il loro linguaggio, dobbiamo coinvolgerli. L’altra proposta legata al G20 ci vede concordi. Noi abbiamo avviato un pre G20 con la partecipazione da remoto di 2000 giovani da tutto il mondo, su input di Papa Francesco, per creare la nuova economia che metta al centro le persone, l’ambiente, la vita”.

Infine il sindaco si è soffermato “sul legame tra le nostre terre, la Basilicata e Assisi, con Matera capitale europea della cultura, poi il Covid ci ha bloccato nella realizzazione di progetti comuni. Dobbiamo ripartire con grande impegno per rafforzare quel filo che unisce Assisi, città

 

 

 

 

meravigliosa di arte e santi, alla vostra terra, attraverso giganti della Chiesa come Francesco e Chiara”.

 

L’evento si è concluso con l’appuntamento al prossimo incontro che si terrà il 20 marzo 2021, coinvolgendo le scuole e i giovani, per la predisposizione del messaggio per il G20 con il programma umanitario ‘Il Cantico delle creature e mens sana in corpore sano’.

 

 

(17)

Share Button