Perugia, 22 gennaio 2021 – È stato presentato stamattina su Zoom il programma delle Giornate del Bartoccio, che ormai da dieci anni caratterizzano in modo significativo il Carnevale di Perugia. Un appuntamento diventato tradizionale, che si ripete infatti da dieci anni, e che quest’anno assume particolare rilevanza perché celebra i cinquecento anni della maschera del Bartoccio, comparsa per la prima volta in un testo del 1521. Ma anche un appuntamento un po’ strano, perché a causa delle restrizioni dovute alla pandemia non si potranno svolgere iniziative in presenza, e non si potranno dunque tenere né il corteo dell’ingresso trionfale del Bartoccio con la consegna delle chiavi della città, né il grande spettacolo dei burattini di Mirabassi alla Sala dei Notari, né i laboratori, le mostre, le conferenze, ecc.

Ma non potevamo certo passare sotto silenzio il quinto centenario della nostra maschera: per questo abbiamo messo in programma una serie di iniziative, che si svolgeranno tutte in rete su youtube, sulla pagina facebook del Bartoccio e sulle pagine e gruppi collegati: ogni giorno, secondo il calendario programmato, appariranno le iniziative e i video delle Giornate. In apertura di conferenza è stato presentato il manifesto, che quest’anno è stato disegnato da Chiara Galletti, affermata disegnatrice e illustratrice, che con il suo stile raffinato ci ha dato una nuova immagine del Bartoccio e della Rosa che ballano il trescone. Le Bartocciate saranno ancora una volta il punto di forza della manifestazione: infatti aprirà le Giornate la ormai tradizionale Gara di Bartocciate, che vedrà sfidarsi le composizioni pungenti e graffianti tra le quali sarà proclamata la Bartocciata dell’anno 2021, e inoltre Graziano Vinti impersonerà il Bartoccio e leggerà la bartocciata-appello che ogni anno la maschera indirizza ai Perugini.

Una concisa rivisitazione storica delle vicende del Bartoccio sarà offerta nella “visita guidata”, ovviamente virtuale, alla mostra L’immagine del Bartoccio. E per celebrare il primo Bartoccio, il villano arguto e allusivo, i lettori del Circolo di Perugia della LaAV (Lettori ad Alta Voce), con Daniela Albanese, Carlo Floris, Monica Lipari, Ada Marchesini, Enrico Masciolini, Graziano Vinti, interpreteranno alcuni divertenti dialoghi e strambotti della Veglia Villanesca, scritta da Francesco Fonsi nel 1521.

Una particolare attenzione sarà dedicata al ricordo di tre persone, purtroppo scomparse, che hanno accompagnato e sostenuto le iniziative della Società e delle Giornate del Bartoccio in questi dieci anni: il disegnatore e fumettista Marco Vergoni, l’attore e scrittore Valter Corelli e il pittore e cultore di musica popolare Giuseppe Calzoni; a loro saranno dedicati ricordi, episodi, immagini, video.

Per mantenere viva la memoria dell’ingresso trionfale del Bartoccio, riproponiamo il video realizzato anno scorso da umbriajournaltv, che ripercorre il corteo dall’ingresso del carro coi buoi in corso Vannucci, alla consegna delle chiavi, alla lettura della Bartocciata, ai figuranti, ai balli e alle coreografie dei vari gruppi, accompagnati dalla musica della banda di Spina.

Infine, anche per mantenere viva la tradizione dei burattini del Bartoccio, Mario Mirabassi non ha rinunciato a realizzare un nuovo spettacolo, che sarà anch’esso trasmesso in rete, dal titolo allusivo: Il Bartoccio e il Bell’Addormentato in Comune; a cosa o a chi poi alluda, lo lasciamo in sospeso, e si capirà guardando il video; ma si può star certi che il graffio della satira si farà sentire…

Tutto il programma dettagliato è pubblicato su www.latramontanaperugia.it

(10)

Share Button