Perugia, 10 febbraio 2021 – Nei giorni scorsi in una Riunione coordinata dal Sig. Prefetto, i vertici delle forze di Polizia della Provincia hanno concordato un piano per intensificare il controllo del territorio sia in funzione di un maggiore contrasto al fenomeno della microcriminalità nelle zone più a rischio che per una maggiore capillarità nelle verifiche del rispetto delle misure per il contrasto alla pandemia da Covid19 alla luce delle nuove gravi criticità riscontrate e dei conseguenti provvedimenti regionali. La rimodulazione dei servizi ha comportato, tra l’altro, l’estensione dell’impiego dei militari dell’Operazione “Strade sicure” ad alcune aree della Provincia.

Il piano affinato ed elaborato, poi, in alcune riunioni tenute in Questura si basa sulla profonda sinergia tra e tutte le forze di Polizia operanti sul territorio, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e l’Esercito Italiano nonché le Polizie Municipali dei vari Comuni. In particolare, per il Capoluogo il piano prevede, oltre alla pattuglia dell’E.I. operativa a Fontivegge, l’aggiunta di un ulteriore equipaggio dedicato alla vigilanza dinamica nel centro storico dove ultimamente si è registrata una recrudescenza dei reati predatori.

Altre due pattuglie dei militari, invece, si occuperanno della vigilanza dinamica degli obiettivi sensibili in alcuni Comuni della Provincia individuati nelle riunioni tecniche tenute in Questura. A tal fine il territorio della Provincia è stato suddiviso in 7 macroaree ove i controlli interforze sono stati affidati al coordinamento di Funzionari di Polizia dei Commissariati di P.S. o Ufficiali dell’Arma dei Carabinieri delle Compagnie.

La collaborazione tra le diverse Istituzioni e Forze di Polizia, già ampiamente acclarata in questa Provincia, fa ben sperare circa i risultati che il gioco di squadra potrà produrre in termini di una effettiva maggiore sicurezza per il cittadino.

 

 

(16)

Share Button