Perugia, 15 febbraio 2021 – È andata male ad un cittadino tunisino del ’92 che sabato pensava di farla franca dopo aver sottratto in un centro commerciale perugino diversi articoli di abbigliamento.
Una pattuglia della Polizia di Stato impegnata nei servizi per la verifica delle misure anti-Covid19 si accorgeva di un soggetto sospetto nella zona appena a ridosso delle casse, tra l’altro, segnalato dal personale del centro commerciale. L’uomo che aveva pagato una birra e una bottiglia d’acqua veniva fermato immediatamente dopo le casse e le barriere elettroniche antiriciclaggio. Sottoposto ad un controllo venivano rinvenuti nello zaino dello stesso diversi capi di abbigliamento maschile e 2 rose sintetiche, probabilmente in previsione di un fine settimana romantico.

Dai sistemi di videosorveglianza era possibile, poi, verificare che l’uomo con l’ausilio di una tronchese presa dagli espositori dello stesso centro commerciale aveva privato gli oggetti rubati della placca antitaccheggio per poi occultarli all’interno dello zaino.
L’uomo, risultante avere diversi precedenti in materia di stupefacenti e per reati contro il patrimonio nonché irregolare sul territorio nazionale, veniva tratto in arresto in attesa del processo.

(5)

Share Button