Perugia, 24 febbraio 2021 – I Carabinieri di Perugia proseguono nell’impegno finalizzato a fronteggiare ogni emergenza che può interessare la città, attraverso un massiccio dispositivo di rafforzamento dei servizi di controllo del territorio, non solo nell’acropoli ma anche nell’hinterland perugino.

Nel corso del primo pomeriggio del 22 febbraio u.s., i militari della Stazione di Castel del Piano hanno tratto in arresto, in flagranza, per l’ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 36enne di origini marocchine, regolarmente residente a Perugia, operaio, già noto alle forze di polizia.

In particolare i militari operanti, all’esito di una perquisizione domiciliare eseguita all’interno dell’abitazione del predetto, in esecuzione del decreto di perquisizione locale e personale emesso, in data 11 febbraio 2021, dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro:

  • 2 panetti di sostanza stupefacente del tipo hashish, per un peso complessivo di 200 g. circa;
  • 6 involucri in cellophane termosaldati contenenti, complessivamente, 45 g. circa della medesima sostanza;
  • un taglierino;
  • una somma contante pari a euro 7.185,00, ritenuta provento di attività illecita;

Nel contempo, è stata deferita in stato di libertà, per concorso nella stessa fattispecie di reato, anche la moglie dell’uomo, connazionale 25enne.

Espletate le formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Perugia – Capanne, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(7)

Share Button