Perugia, 24 febbraio 2021 – Oggi, su delega della Procura della Repubblica di Perugfa, i militari del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria di Perugia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari e ad un decreto di sequestro preventivo, nei confronti di imprenditori esercenti l’attività di commercio di prodotti petroliferi per autotrazione, resisi responsabili di una serie di illeciti tributari, nonché del reato di autoriciclaggio dei proventi derivanti dall’evasione fiscale.

Il contesto trae origine dalle indagini che i finanzieri stavano conducendo nei riguardi di un sodalizio, operante con analoghe modalità criminali nel medesimo settore e con diramazioni sull’intero territorio nazionale e all’estero, e che, nei giorni scorsi, ha portato all’esecuzione di arresti e sequestri per oltre 8 milioni di euro.

Gli elementi indiziari tratti dalla preliminare analisi della documentazione contabile e bancaria acquisita in tale sede e le evidenti incongruenze di natura fiscale rilevate dall’interrogazione delle banche dati, hanno consentito l’avvio di un autonomo filone investigativo che ha disvelato l’esistenza di uno strutturato meccanismo di frode “carosello”.

In particolare, l’attenzione degli inquirenti si è incentrata su forniture di carburante effettuate, a partire dal 2017, da due società, una tunisina ed un’altra con sede nelle Isole Seychelles, entrambe segnalate da varie Unità di Informazione Finanziaria (Financial Intelligence Unit) estere per comportamenti sospetti sotto il profilo del possibile riciclaggio dei proventi del contrabbando di petrolio.

Il combustibile, stoccato in un deposito costiero della città spagnola di Cartagena, veniva acquistato “cartolarmente” da una società italiana con sede a Roma, rivelatasi un vero e proprio missing trader, privo di una benché minima struttura organizzativa e patrimoniale, e successivamente, ceduto ad una società “filtro” (buffer) localizzata in provincia di Perugia, che, a sua volta, lo rivendeva ad altre società fittiziamente interposte, prima di giungere – sempre “cartolarmente” – al destinatario finale che alimentava una rete di distributori senza logo (le cosiddette “pompe bianche”) le quali, proprio lucrando sull’I.V.A. sottratta all’Erario, praticavano prezzi “scontati”.

In realtà, le cessioni del prodotto, trasportato via mare presso un deposito di Genova e, da qui, mediante autobotti, ai clienti finali nazionali, sono di fatto avvenute direttamente tra i fornitori esteri e l’ultima società italiana della catena.

L’I.V.A. indebitamente detratta dalle società “filtro” e non versata all’Erario dalla “cartiera”, primo acquirente nazionale, in parte, è stata dirottata verso conti esteri detenuti in Tunisia e a Malta e, per la restante parte, utilizzata la realizzazione di investimenti immobiliari, con l’acquisto di casolari sulle colline venete e umbre, dietro lo schermo di due società croate, direttamente riconducibili ai responsabili della frode.

Condividendo le ipotesi accusatorie formulate dal pubblico ministero, sulla base della puntuale ricostruzione dei flussi finanziari e delle transazioni economiche operata dalla Guardia di Finanza, che si è avvalsa anche della collaborazione dell’Ufficio delle Dogane di Perugia, il Giudice per le indagini preliminari, avendo rilevato la “sistematica reiterazione degli episodi criminosi”, la “rilevantissima entità” degli importi dell’imposta evasa che potrebbe essere ancora oggetto di ulteriori condotte di autoriciclaggio, ha disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di tre imprenditori, di cui uno di nazionalità polacca, tutti radicati nel territorio umbro, nonché il sequestro preventivo di somme di denaro, beni mobili ed immobili per un ammontare complessivo di circa 1,5 milioni di euro.

L’operazione si aggiunge ad altre analoghe già positivamente concluse o in via di definizione in un settore particolarmente sensibile ed esposto al rischio di frode, quale quello del commercio dei prodotti petroliferi, e si colloca nel quadro più generale del contrasto ai traffici illeciti e ai soggetti interposti, a tutela delle entrate del bilancio dello Stato, dell’Unione europea, delle regole della libera e leale concorrenza e degli onesti contribuenti.

 

 

 

(26)

Share Button