PERUGIA, 11 marzo 2021 –  – Tra le 9 aziende pioniere dell’innovazione agricola italiana non poteva mancare una realtà umbra. Anche Arnaldo Caprai Società Agricola Srl di Montefalco ha ricevuto infatti il Premio nazionale per l’Innovazione in Agricoltura, istituito da Confagricoltura, giunto alla seconda edizione.

Nato due anni fa, il Premio intende valorizzare quelle imprese del settore primario che si sono distinte in termini di tecnologie applicate in agricoltura e il ruolo centrale degli imprenditori agricoli come promotori dello sviluppo economico del territorio e del Paese. Il riconoscimento alla Arnaldo Caprai è stato annunciato giovedì 11 marzo durante la cerimonia finale in diretta web da Palazzo Della Valle (Roma), a cui hanno partecipato il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli e il prof. Michele Pisante, dell’Università di Teramo, presidente della Giuria selezionatrice delle imprese, composta da rappresentanti del mondo imprenditoriale, istituzionale ed accademico. Durante l’incontro sono stati premiati i vincitori, collegati da remoto.

Marco Caprai ha parlato della sua “agricoltura di precisione” e delle scelte che vengono fatte attraverso la connessione di tecnologie per ridurre l’impatto dei fitofarmaci e quello delle condizioni meteo, sempre più variabili, e per migliorare quindi la produttività dell’impresa. Tra le tecnologie applicate, anche quelle che vede l’uso di pale eoliche (per muovere l’area fredda che si deposita a terra) e di generatori di nebbia artificiale, sistemi di difesa dal pericolo delle brine primaverili.

L’Azienda Arnaldo Caprai, leader nella produzione di Sagrantino di Montefalco Docg e pioniera dell’Agricoltura 4.0, da oltre 20 anni è all’avanguardia in fatto di innovazione e sostenibilità ambientale e sociale. Ha realizzato molti progetti in campo con la precision farming. L’ultima innovazione riguarda l’implementazione di 3 sistemi differenti di contrasto ai danni biotici e abiotici del vigneto e di una piattaforma digitale di raccolta dati ed elaborazione delle informazioni.

L’azienda Caprai è al passo con i tempi anche in tema di sostenibilità. Solo pochi giorni fa infatti è stata inserita pure tra le prime 100 imprese agricole – delle quasi 2mila partecipanti, di tutti i comparti produttivi e di tutte le regioni d’Italia – di AGRIcoltura100, progetto nazionale voluto da Confagricoltura e Reale Mutua per valorizzare il contributo dell’agricoltura alla ripresa e alla crescita sostenibile del Paese. E come prima classificata in Italia (tra le 100 imprese agricole) per la sostenibilità aziendale è stata scelta un’altra realtà umbra, la Cantina Vinicola Barberani di Orvieto che è risultata quella con i livelli più elevati a dimostrazione dell’alta qualità raggiunta, in tutti i campi, dalle imprese agricole umbre.

L’innovazione – è stato ricordato durante l’incontro del Premio nazionale per l’Innovazione in Agricoltura – rende le aziende agricole più moderne, competitive, migliora la qualità dell’occupazione tutelando chi ci lavora e valorizzando il prodotto. E Confagricoltura ha deciso di premiare quelle imprese che hanno fatto investimenti importanti in questo ambito, con impegno, entusiasmo e coraggio.

Si tratta di 9 realtà di diverse province italiane, che dimostrano come la digitalizzazione nelle aree rurali, la tecnologia, la robotica, l’economia circolare, possano permettere di migliorare le produzioni, risparmiare risorse naturali preziose, ma anche favorire il benessere aziendale, sociale ed economico, sempre con un occhio attento alla sostenibilità.

Queste, insieme a Caprai, le aziende premiate:

C.I.VIT – CONSORZIO INNOVAZIONE VITE (Trento)

TENUTA COLLE DEGLI ANGELI (Bologna)

PLANET FARMS ITALIA (Milano)

ARNALDO CAPRAI (Perugia)

MADONNA DELLA NEVE (Cremona)

AZIENDA AGRICOLA DAVIDE MAGNI (Mantova)

AGRICOLT BRANDONI (Ancona)

BIRLA (Mantova)

JUDEKA (Catania)

È possibile rivedere la cerimonia del Premio nazionale per l’Innovazione in Agricoltura sul canale YouTube (www.youtube.com/watch?v=_U940X2IuG4, dal minuto 22.30) e sulla la pagina Facebook di Confagricoltura.

(12)

Share Button