di NICOLA ANGIONE

Bastia Umbra, 26 marzo 2021 – In data 8 marzo 2021 l’Ente Palio di San Michele ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica di diritto privato, con l’iscrizione nell’apposito registro regionale di associazioni e fondazioni ed altre istituzioni di carattere privato, che operano nelle materie attribuite alla competenza delle regioni e svolgono la propria attività nell’ambito del territorio regionale.

Questo importante riconoscimento, permette all’Ente Palio de San Michele di diventare un autonomo centro d’imputazione di diritti ed obblighi rispetto alle persone fisiche che lo compongono e poter sviluppare in modo più incisivo l’attività dei Rioni e del Palio de San Michele.

Il Palio, oltre a essere la manifestazione della città di Bastia Umbra, è riconosciuto all’unanimità come una “fucina di talenti”, dove le caratteristiche del singolo individuo, messe al servizio della collettività, vengono esaltate e messe in rilevanza.

In un momento come questo, dove l’attuale emergenza sanitaria non permette di esaltare uno dei principi fondamentali del Palio come l’aggregazione, l’Ente Palio ha continuato la propria attività ottenendo un riconoscimento di fondamentale importanza per garantire e consolidare lo svolgimento della manifestazione.

“Sicuramente quello che ci rende orgogliosi di questo attestato sono la modalità e i tempi in cui è stato conseguito. Ormai è da tantissimi anni che si parlava di questo obiettivo, ma non si è mai riusciti ad andare oltre.– dice Federica Moretti, Presidente dell’Ente Palio – Ciò che ha fatto la differenza è stata senza dubbio la dedizione di un gruppo che, partendo da zero in poco meno di un anno, ha preso in mano il progetto e con grande impegno e senza indugi lo ha portato a termine. Ci terrei quindi a ringraziare non solo il coordinatore e tutto il Consiglio dell’Ente Palio, ma in particolar modo il Notaio Mario Biavati, il Consigliere Michela Degli Esposti, il Tesoriere Fabio Giambarioli e, soprattutto, la figura di Giovanni Cinquegrana. Questo plauso è doveroso poiché è la testimonianza di come tutti possiamo essere utili per un bene collettivo anche al di fuori del mese di Settembre. Ovviamente l’auspicio di tutti è quello di ritornare a vivere la magia del Palio e festeggiare tutti insieme quello che già c’era, c’è e ci sarà sempre: il PALIO… VIVE!”

 

(4)

Share Button