Perugia, 2 aprile 2021 – I Carabinieri e i Poliziotti di Perugia rispondono alle esigenze di sicurezza del Capoluogo e del suo hinterland e, in particolare, al contrasto di quegli episodi di microcriminalità che destano particolare allarme sociale tra la collettività, da perseguire con immediatezza ed efficacia. Ciò avviene attraverso un massiccio dispiegamento di pattuglie che controllano, senza soluzione di continuità, tutto il territorio di competenza, incrementando così la sicurezza percepita da parte della cittadinanza.

 Infatti, nel pomeriggio di ieri 1° aprile, i Carabinieri della Stazione di Ponte San Giovanni, unitamente a personale della Squadra Volante della Polizia di Stato della Questura di Perugia, durante un servizio perlustrativo, hanno tratto in arresto, in flagranza per le ipotesi di reato di furto aggravato, un 25enne rumeno, domiciliato a Perugia, disoccupato, già noto alle forze di polizia e deferito in stato di libertà, per concorso nella medesima fattispecie di reato, una 24enne originaria della provincia di Varese, di fatto domiciliata a Perugia, disoccupata, incensurata.

In particolare, i Carabinieri, durante il servizio perlustrativo, mentre percorrevano una delle vie principali di quella frazione, sono stati fermati dalla proprietaria di un negozio di abbigliamento, la quale riferiva che, poco prima, due giovani erano entrati nella sua attività e, mentre la ragazza, con un pretesto, distoglieva la sua attenzione, il ragazzo aveva asportato un giacchetto e una gonna, per un valore complessivo di 269,00 euro.

La titolare del negozio, oltre a fornire una descrizione particolareggiata dei due giovani, riferiva di aver appreso da un conoscente che il ragazzo si era recato, probabilmente, alla stazione ferroviaria di Ponte San Giovanni.

Nel mentre, è giunta sul posto anche una pattuglia della Squadra Volante della Polizia di Stato di Perugia, allertata dalla Sala Operativa a seguito di segnalazione di due furti, perpetrati ai danni del suddetto negozio di abbigliamento e di un esercizio commerciale cinese di articoli vari, ubicato nelle vicinanze del primo.

Le immediate attività di ricerca congiunte hanno permesso di rintracciare subito la giovane donna italiana e, successivamente, all’interno della stazione ferroviaria, il giovane rumeno, il quale, verosimilmente per garantirsi la fuga, era già salito su un treno della tratta locale “Foligno-Perugia”.

La contestuale perquisizione personale ha permesso di rinvenire, all’interno dello zaino del 25enne, il giacchetto in ecopelle, nonché 3 confezioni di cuffie musicali “bluetooth”, del valore complessivo di 60,00 euro, risultate asportate, precedentemente, da un negozio ubicato in quella frazione.

La refurtiva parzialmente recuperata, ancora integra, è stata restituita ai due proprietari. Il giovane, nella mattinata odierna, è stato condotto innanzi all’Autorità Giudiziaria per la celebrazione del rito direttissimo e, a seguito della convalida dell’arresto, al medesimo è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G..

(9)

Share Button