Perugia, 24 aprile 2021 – S’intitola “VALNERINA natura e arte”. E’ un numero zero da collezione, quasi un libro, una guida di 216 pagine patinate che racconta suoni, odori e sapori dei dieci comuni della Valnerina, fotografandone paesaggi e ambiente, storia e arte, religione e feste, sport e natura di questa verde e amata terra. Un vero viaggio nelle meraviglie di questa terra curato dal giornalista Gilberto Scalabrini.

La presentazione avverrà alle ore 10,30 a Castelluccio di Norcia. Nei giorni a seguire si potrà trovare presso tutti i dieci Comuni  e le Pro Loco della Valnerina, i punti d’informazione dello IAT (ex Aziende di soggiorno) di Perugia, Spoleto, Foligno e Terni. Una distribuzione mirata anche nelle vicine Marche, a Roma, alla stazione Termini, all’aeroporto di Fiumicino e, in collaborazione con l’Associazione degli Umbri, in vari punti della città eterna. Insomma, una platea ampia e una visibilità a 360 gradi. “VALNERINA natura e arte” è stato stampato dalle Grafiche Millefiorini di Norcia ed è nato da un’idea del presidente della Pro Loco di Campi di Norcia, Roberto Sbriccoli (nella foto). Coordinatore editoriale Gian Paolo Stefanelli. L’editoriale è firmato da Egildo Spada, il Presidente del Bacino Imbrifero Montano Velino-Nera.

Scrive Spada (nella foto): «Riportare i passi su questo territorio è come ritornare ad adottarlo, significa continuare a viverlo nonostante le macerie e i ponteggi. In un’epoca, poi, nella quale le piazze sono state sostituite dai social, ripercorrere le strade di un borgo, visitare le chiese, sedersi su una panchina ad ammirare un paesaggio, significa recuperare il senso civico dell’abitare e del custodire, del dialogare e dello stare insieme. Per questo, ancora una volta la Valnerina è da visitare con passi lenti che tengano accesi tutti i sensi». E’ vero, la Valnerina è una terra “aperta per natura”, quindi da visitare a passi lenti, perché solo così si può ricominciare davvero a respirare, rilassarsi, lasciar scivolare via la tensione di questi mesi e godersi appieno il momento di respiro. Un respiro evocativo, coinvolgente e contestualizzato all’interno di un territorio che comunica gioia e voglia di vivere.

«Il giornale/libro – spiega il giornalista Gilberto Scalabrini (nella foto)- vuole fare da starter alla ripartenza del territorio, dopo questa emergenza che ha modificato i bisogni e le priorità delle persone e quindi dei turisti. In questo momento di lenta ripresa, i focus primari diventano l’informazione e la rassicurazione per veicolare un nuovo modo di viaggiare in sicurezza e, allo stesso tempo, invitare con delicatezza al benessere e alla gioia di vivere esperienze piacevoli, come quella della vacanza. La Valnerina ha il “potere” di allentare la tensione, ritrovare se stessi e riacquisire un nuovo equilibrio, in armonia con il verde dei boschi, l’azzurro del cielo e la pietra antica dei borghi. In questo momento la Valnerina rappresenta una promessa rilevante per i turisti in un contesto di “nuova normalità”, dove sostanziare quei benefici fisici ed emotivi che ci sono mancati da oltre un anno. In questo momento di lenta ripresa i focus primari diventano l’informazione e la rassicurazione per veicolare un nuovo modo di viaggiare in sicurezza».

 

 

 

 

(19)

Share Button