Spello, 12 maggio 2021 – In fase conclusiva il consolidamento per la riapertura di Porta Urbica, una delle porte monumentali romane di accesso alla città che risale al periodo augusteo. I lavori rientrano nell’ambito dell’intervento finanziato all’interno del PIR Spello Capoluogo con un contributo della Regione Umbria di 260mila euro (D.G.R. n.4 8 gennaio 2018) e iniziati nei mesi scorsi, sta prevedendo anche la messa in sicurezza dei tratti di mura in via Tempio di Diana, via Tempio di Diana 2, via Maddalena e via Mura Vecchie.

Inoltre il tratto di mura storiche da Porta Urbica a Porta Consolare è stato oggetto di ripulitura dalle erbe infestanti da parte del settore manutentivo del Comune di Spello. “A breve sarà consentito il passaggio in una importante via di accesso della città, chiusa a seguito del sisma 2016 – commenta il sindaco Moreno Landrini – L’amministrazione comunale è già all’opera per reperire ulteriori finanziamenti volti al restauro delle parti monumentali delle mura adiacenti alla Porta, lavori che garantiranno così la riqualificazione di tutta l’area”. Porta Urbica, fa parte dell’antica cinta muraria costruita in epoca romana e che, come tutte le architetture del periodo, si distingue per la sua imponenza. Da un lato è sovrastata da un piccolo torrione di vedetta, sostenuto da cinque beccatelli in laterizio.

(8)

Share Button