Perugia, 17 maggio 2021- Personale del reparto volanti, impegnato in servizi di controllo del territorio, veniva inviato in via del Macello dove, a seguito di una segnalazione pervenuta presso la Sala Operativa della Questura di Perugia, interveniva in soccorso di una signora la quale, intenta nello svolgere lavori di pulizie veniva avvicinata da un cittadino extracomunitario, identificato poi come un cittadino di origini tunisine classe 1980, il quale, senza proferire parola le si accostava fissandola con gli occhi spalancati seguendo ogni suo movimento.

La donna molto intimorita cercava di allontanarsi appurando che l’uomo continuava a seguirla imperterrito con fare estremamente inquietante sino a quando avvedutosi della presenza di uno sgabuzzino porta attrezzi si rifugiava al suo interno.
Allertata immediatamente la Polizia di Stato la donna, grazie anche ai servizi intensificazione dei controlli e dell’implementazione delle pattuglie sul territorio a seguito delle precedenti segnalazioni non molto remote, veniva immediatamente raggiunta dagli agenti della Squadra Volante i quali avvicinandosi al soggetto ancora presente nel locale suddetto notavano sin da subito i segnali di insofferenza e nervosismo del soggetto nei loro confronti.

Gli operanti nonostante una lunga opera di mediazione non riuscivano a far calmare l’uomo il quale, alla richiesta dei documenti per l’identificazione dovuta, sferrava un violento pugno ad uno degli agenti che fortunatamente riusciva ad evitare e quindi veniva colpito solo di striscio. Questo innescava un’escalation di violenza nel soggetto infatti l’uomo si sfilava velocemente la propria cintura dai pantaloni e brandendola velocemente cercava di colpire i poliziotti i quali si sono trovati costretti a neutralizzare le intenzioni del tunisino attraverso l’uso dello spray al peperoncino.

L’uomo, uscito dal carcere di Sollicciano-Firenze due giorni fa, presentava a proprio carico un Ordine del Questore di Firenze e numerosissimi precedenti di Polizia per rapina, reati contro il patrimonio in genere e reati collegati allo spaccio di sostanze stupefacenti, veniva trovato in possesso di circa mezzo grammo di sostanza stupefacente del tipo eroina.
L’uomo è stato tratto in arresto per il reato di violenza, resistenza aggravata e minacce gravi a Pubblico Ufficiale nonché sanzionato per detenzione di sostanza stupefacente.
L’A.G. convalidava l’arresto e disponeva l’accompagnamento in carcere dell’uomo.

(8)

Share Button