Citta’ della Pieve, 17 maggio 2021 – Con l’allentamento delle restrizioni per il contenimento della diffusione del covid 19 e la sempre crescente circolazione di persone e, conseguentemente, anche di quei soggetti che protendono a delinquere, si intensifica il numero di pattuglie e l’opera di controllo del territorio da parte dei Carabinieri, per la prevenzione e repressione dei reati in genere ed in particolare il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nell’ambito del contesto sopradescritto, nella tarda serata del 14 maggio 2021, i militari dell’aliquota radiomobile del N.O.R.M. della Compagnia Carabinieri di Citta’ della Pieve, nel corso di un normale servizio perlustrativo, in Magione, nei pressi della rotonda che delimita il territorio di quel comune e quello di Corciano, hanno tratto in arresto in flagranza, per l’ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un cittadino albanese di 29 anni, residente a Perugia.

I militari del radiomobile, hanno notato un autoveicolo fermo in una zona insolita, appartata e buia con a bordo il suddetto cittadino straniero e fuori dalla macchina, due ragazzi italiani che si intrattenevano con lui per l’acquisto dello stupefacente. Gli italiani sono stati identificati mentre il giovane albanese, all’atto del controllo, ha assunto un atteggiamento nervoso ed agitato tale da indurre gli operanti a procedere a più accurate verifiche estese anche all’interno del veicolo. Nel corso del controllo i militari hanno rinvenuto, in una tasca del giacchetto del fermato, una bustina di plastica trasparente con all’interno un involucro di cellophane termosaldato contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di grammi 1 circa.

Un ulteriore controllo dell’autovettura ha consentito di rinvenire altri 8 involucri contenente analoga sostanza stupefacente per un peso di gr 8 circa, 3 telefoni cellulari, nonché 700 euro in contanti quali presumibile provento dell’attività di spaccio.

L’arrestato è stato quindi condotto presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Città della Pieve per le incombenze di rito, dopo di che, su disposizione dell’A.G., è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la sua residenza in attesa dell’udienza di convalida e di giudizio per direttissima che è stato celebrato nella tarda mattinata di sabato 15 maggio 2021 presso il Tribunale di Perugia, a seguito del quale l’arresto è stato convalidato.

 

(5)

Share Button