Sedici regioni, 7850 studenti coinvolti, centinaia di elaborati. Premiazione online il 15 giugno

Perugia, 7 giugno 2021 – L’Associazione “Nel nome del Rispetto”, con Zenobi e Cristina Virili, rispettivamente presidente e vicepresidente, mette a segno un altro record di partecipazione al progetto-concorso nazionale 2021. Il Covid non ha fermato quello che negli anni si sta affermando come un appuntamento atteso e apprezzato dalle scuole di ogni ordine e grado di tutta Italia

I numeri

Infatti centinaia di elaborati, frutto del lavoro di 7850 studenti, provenienti da numerose scuole dell’Umbria e da 16 regioni italiane sono al vaglio della giuria composta da professionisti, insegnanti ed esperti nelle varie materie oggetto del concorso stesso. Un grande impegno vista l’alta qualità degli elaborati che culminerà il 15 giugno con la cerimonia di premiazione online.

Tre le tematiche, di cui una riservata agli universitari, sulle quali si sono impegnati bambini e bambine degli asili nido e delle materne, alunni e alunne delle primarie, studenti e studentesse affiancati, in molti casi, dal corpo docente e dalle famiglie. Significativa anche la partecipazione di detenuti e detenute in varie carceri italiane.

Tema del concorso

Gli argomenti hanno riguardato: Rispetta te stesso e l’altro diventando un soggetto attivo della società; il Rispetto attraverso il linguaggio musicale.

Per gli studenti universitari è stato riservato il tema: l’intelligenza artificiale nel Rispetto dell’intelligenza emotiva. “Entusiasmo nel partecipare, non solo al concorso ma anche al progetto diventandone parte integrante – spiega la Presidente Zenobi -, è stato registrato dagli insegnanti e dagli studenti gratificati nel sentirsi ascoltati nelle proprie emozioni e difficoltà legate soprattutto ai mesi del lockdown. Attraverso il progetto hanno potuto esprimere anche il loro di affrontare la resilienza e riaprirsi al futuro con nuove idee, nuove proposte e forte senso di comunità. Grazie a questo progetto, nonostante le grandi difficoltà incontrate per coordinarsi, molti insegnanti hanno ringraziato l’associazione per aver dato l’opportunità e estrema collaborazione a che questo potesse realizzarsi”.

Gli Ambasciatori

Un grande impulso alla diffusione del progetto-concorso si deve anche ai 17 ambasciatori di “Nel nome del Rispetto” in rappresentanza di altrettante regioni d’Italia. Sono tutti insegnanti e dirigenti di istituto che collaborano attivamente al progetto. Un progetto che parte dall’Umbria e arriva al cuore di tante scuole dal nido alle superiori, all’università e agli istituti di pena in tante regioni d’Italia. Tutti sostenuti esclusivamente da volontà, impegno e sensibilità nel portare un messaggio di formazione alla vita di grande valore morale alle nuove generazioni e di aiuto alle famiglie. Massiccia la partecipazione delle scuole umbre. Hanno infatti aderito al progetto oltre che gli istituti scolastici di Foligno, sede dell’Associazione, con ben 9 scuole, Montefalco con due scuole, Bastia Umbra, Perugia con due interi plessi scolastici, Gubbio, Castiglione del Lago, Spoleto con due scuole, Norcia con l’intero plesso, Cascia e Terni.

Per partecipare

Piattaforma Zoom

https://us06web.zoom.us/j/86048681122?pwd=eG9XcmsweW5Yc2twU1dIcUNTME9SZz09

ID riunione: 860 4868 1122

Passcode: 125908

(19)

Share Button