Alla Sala della Pace “Sorprendere è un continuo rinascere” fa il pieno di emozioni

Cascia, 11 giugno 2021 – Uno spettacolo che in modo particolare a conclusione di questo anno scolastico assume un ulteriore significato dell’importanza delle relazioni sociali, come spinta di sviluppo della personalità dell’individuo e di quale importante strumento possa essere la scuola a questo proposito. Tutto questo è stato “Sorprendere è un continuo rinascere”, messo in scena alla Sala della Pace dagli studenti del Liceo Scientifico e dell’IPSIA di Cascia.

Una dimostrazione che che nonostante questo lungo periodo di pandemia la comunità scolastica non si è arresa ma ha continuato a rimanere accanto ai ragazzi sostenendo le loro iniziative.

L’evento ha emozionato tutti i presenti e a conclusione della serata la dirigente scolastica Roberta Aniello ha ringraziato i propri studenti per la dedizione e la sensibilità che hanno dimostrato. Ringraziamenti sono giunti anche da Lucia Narducci, ideatrice dello spettacolo.

Il Sindaco Mario De Carolis, visibilmente commosso, si è congratulato con i ragazzi per l’importante messaggio di speranza e coraggio che sono riusciti a trasmettere e ha rivolto un ringraziamento alla Scuola di Cascia che insieme all’Amministrazione comunale hanno saputo collaborare per superare le difficoltà create dall’emergenza sanitaria.

Un pensiero speciale è giunto dall’Assessore all’Istruzione Monica Del Piano che ha sottolineato come la serata sia stata carica di umanità e di sorrisi non più virtuali, come se si fosse realizzato un piccolo miracolo dove siamo tornati ad essere tutti vicini e non più separati da uno schermo. “Incontrarsi è stato come ricominciare a vivere – ha detto -, nella speranza che questo periodo di separazione ci insegni quanto siano fondamentali i rapporti umani.

Nel festeggiare una fine che ha il sapore di un nuovo inizio ricordiamo le parole di una giovane poetessa americana, Amanda Gorman, che scrive: “ C’è sempre una luce, se solo abbiamo il coraggio di vederla, finché saremo coraggiosi abbastanza da essere noi stessi la luce”.

(3)

Share Button