Perugia, 12 giugno 2021 – Il 4 maggio scorso all’ospedale di Perugia è deceduta per Covid-19 una donna di 53 anni. Era una Collaboratrice scolastica e lavorava in una scuola della Media Valle del Tevere. Il nipote ha querelato la dirigente scolastica  per omicidio colposo.  Secondo l’accusa mossa nella querela, la dirigente non avrebbe adottato le precauzioni necessarie e i provvedimenti idonei per la salvaguardia del personale, dopo che il 22 marzo scorso una maestra era risultata positiva, provocando  l’insorgere di un focolaio.

In pratica, la dirigente scolastica avrebbe violato il punto 9 del protocollo anti Covid-19 previsto per i luoghi di lavoro, ovvero avrebbe dovuto predisporre la quarantena per la vittima. Solo il 29 marzo, la scuola veniva chiusa dopo le insistenti sollecitazioni dei genitori e il test rapido risultato positivo della collaboratrice scolastica. La vittima era ricoverata all’ospedale di Perugia il 2 aprile e dopo un mese circa decedeva. Adesso sarà la Procura ad accertare come sono andati realmente i fatti.

(14)

Share Button