Per i più grandi, anche escursioni e natura a Forcatura (Foligno) con la partecipazione della Lipu

Foligno, 25 giugno 2021 – Con l’arrivo dell’estate, tornano i campus che l’associazione culturale L’Edera dedica ai più giovani. Due i progetti di quest’anno: uno nella sede di Foligno dedicato ai bambini da sei mesi a cinque anni; un altro nella frazione folignate di Forcatura, rivolto ai ragazzi dai 6 ai 16 anni e svolto in collaborazione con la Lipu di Foligno.
L’appuntamento con il campus per i più piccoli è previsto dal 5 Luglio al 27 Agosto, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 16. Ogni giorno, gli operatori prevedranno un’attività diversa per far trascorrere un’estate spensierata ai piccolissimi.
Il campus per i più grandi inizia il 21 giugno per terminare il 7 Agosto; l’appuntamento è dal lunedì al venerdì alle 8 alle 14, con la possibilità del pranzo. Inedito il luogo di svolgimento: il paese di Forcatura, dove i ragazzi arriveranno grazie al pulmino dell’associazione, che partirà da Foligno e farà tappa a Colfiorito. Il campo base nella frazione sarà la casetta di legno che la Lipu ha messo a disposizione dell’associazione. Ogni giorno si svolgerà un’attività diversa, con escursioni naturalistiche due volte a settimana, una giornata dedicata al tiro con l’arco e una con visita in piscina, a Nocera Umbra e a Spello.
“I nostri campus, nella loro interezza, sono rivolti a bambini e ragazzi dai sei mesi fino ai 16 anni, con attività e luoghi differenziati a seconda delle età – spiegano dall’associazione L’Edera –. Come sempre, si contraddistinguono per l’integrazione fra bambini disabili e normodotati: tutti possono partecipare e saranno seguiti da operatori qualificati a seconda delle diverse esigenze…”
“Per questa collaborazione, la Lipu mette a disposizione la struttura logistica, ma anche un operatore che accompagnerà i ragazzi alla scoperta del territorio – spiega Alfiero Pepponi coordinatore regionale Lipu -. Per noi è molto importante contribuire a diffondere la conoscenza naturalistica e storico-culturale del territorio e anche contribuire ad arricchire le menti delle generazioni che in futuro questo territorio saranno chiamate a gestirlo. Gli altipiani plestini offrono molte occasioni di conoscenza e arricchimento culturale”

(17)

Share Button