Presidio alle 9,30 sotto la prefettura con i sindacati per i contratti scaduti da 6-8 anni e nessun accordo sulle nuove mansioni introdotte con la pandemia: ”Adesso basta, serve rispetto”

Perugia, 1 luglio 2021 – Ancora una volta una categoria di lavoratrici e lavoratori considerati essenziali o addirittura eroici durante la fase più difficile della pandemia si ritrova costretta a scendere in piazza per chiedere il rispetto di un diritto basilare come quello al rinnovo del contratto nazionale: domani, venerdì 2 luglio, saranno i dipendenti delle farmacie private e pubbliche a scendere in piazza.

Lo faranno a Perugia, in piazza Italia, sotto la prefettura (ore 9.30), insieme ai loro sindacati, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, per denunciare il mancato riconoscimento del loro ruolo e della loro professionalità. Un contratto scaduto da 6 anni per le farmacie speciali (quelle pubbliche) e da addirittura 8 anni per quelle private e poi, i mancati accordi sull’allargamento delle mansioni nell’emergenza pandemica: test sierologici, tamponi e ora vaccini, che vengono effettuati ancora senza aggiornamenti delle condizioni di lavoro, nonostante il fatto che alle farmacie questi nuovi servizi vengano remunerati.

“Noi crediamo – affermano Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil – che lavoratrici e lavoratori delle farmacie (i cui stipendi, ricordiamolo, non sono certo faraonici) meritino rispetto e riconoscimento. Non si può chiedere soltanto: Federfarma e Assofarm si aprano al confronto con chi le farmacie le fa funzionare ogni giorno”.

in Umbria sono 227 le farmacie private e 48 quelle pubbliche, oltre mille le persone che vi lavorano.

 

 

(2)

Share Button