Assisi, 24 agosto 2021 – Alla Domus Pacis a Santa Maria degli Angeli è stato presentato ieri pomeriggio 23 agosto il Patto Civico per Assisi a sostegno di Stefania Proietti, sindaco uscente e candidato alla guida della città di Assisi per il secondo mandato. Si tratta delle liste civiche Assisi Domani e Assisi Civica, la prima è la compagine civica che 5 anni fa portò Stefania Proietti alla fascia tricolore, la seconda è di recente formazione ed è composta da un’anima laica e riformista.

Nell’aprire i lavori della conferenza, il sindaco Stefania Proietti ha detto: “Ci ritroviamo dopo 5 anni con lo stesso spirito e lo stesso entusiasmo, con una squadra che vuole esserci ancora e con la stessa idea civica che questa volta raddoppia grazie ad Assisi Civica e diventa Patto Civico con la caratteristica di sempre, e cioè stare dalla parte dei deboli, delle famiglie in difficoltà, di chi soffre. Nel 2016 fummo artefici di una rivoluzione, anche culturale oltre che politica, oggi, c’è bisogno di continuità e di rinnovata apertura alle migliori energie della città per guidare Assisi verso la storica data del centenario francescano del 2026”.

Poi la parola è passata a Massimo Paggi, assessore ai servizi sociali e fondatore della neo lista:

Assisi Civica è una delle due gambe su cui camminerà il Patto Civico per Assisi e nasce con un’anima politica perchè la politica è l’attività più nobile e importante a cui l’uomo può dedicarsi e altro non è,  come diceva Aristotele, che la ricerca del bene per tutti. Metto in gioco la mia storia per questa scommessa che ha una caratterizzazione ben definita, ed è il sociale, perchè prendersi cura della persona, dalla nascita alla morte, è la finalità che garantisce il progresso di una società, quindi siamo una lista progressista. Valori come la salute non hanno colori, come l’attenzione verso gli anziani e verso i bambini. Impegnarsi per una società che abbia più giustizia sociale è per Assisi Civica più di una promessa. E come riuscire a interpretare le istanze? Sintetizzo in tre parole: ascoltare, verificare, fare. Lo strumento? La cittadinanza attiva, il cittadino deve essere partecipe delle scelte che si compiono e la politica deve essere a sua disposizione in una città che non può non tenere conto della tradizione e dell’essenza, delle radici culturali e storiche. Assisi Civica non è un partito ma si occupa di politica, di una politica che mette al centro il sociale. Il logo rispecchia i colori di Assisi. L’obiettivo: la rielezione di Stefania Proietti. Assisi Civica scende in campo per vincere, non solo per partecipare”.

Sempre per conto della neonata lista è intervenuto Giorgio Bastianini che si è soffermato sull’importanza del civismo che è la sola strada per fare politica considerata la profonda crisi dei partiti: “La politica fatta dai cittadini e dalle cittadine in prima fila è il solo strumento che può garantire il dialogo, il contatto, per la risoluzione dei problemi”.

Il segretario di Assisi Domani Gianfranco Martorelli ha dato il benvenuto alla nuova formazione e ha ricordato la sfida di 5 anni fa iniziata con tanto entusiasmo e un po’ di follia: “Oggi ci si ripresenta una nuova sfida, sempre al servizio del territorio e delle nostre comunità, e ci impegneremo come abbiamo fatto in questi 5 anni di azione, impegno e concretezza, dimostrando credibilità e autorevolezza. Assisi Domani vuole continuare a servire la città e con Assisi Civica firmiamo un’alleanza forte che vuole guadagnare la fiducia dei cittadini per continuare a governare la città nella continuità di un progetto che mira a costruire e consolidare una classe politica nuova basata sul civismo”.

Per il capogruppo di Assisi Domani in consiglio comunale Giuseppe Cardinali “l’esperienza è stata impegnativa ed entusiasmante, eravamo tutti nuovi alla politica, ma ci siamo impegnati 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per essere sempre vicini ai cittadini, ascoltando i bisogni della nostra gente e cercando di risolvere ogni problema. Oggi ci ripresentiamo raddoppiando,  siamo in compagnia di una nuova lista civica a conferma che il percorso da noi intrapreso è stato ed è quello giusto perché la politica basata sul civismo attrae i cittadini che vogliono diventarne parte attiva”.

A tirare le fila dei lavori il sindaco Proietti che con orgoglio ha parlato di “movimenti di cittadine e cittadini che hanno conoscenze, competenze, umiltà e coraggio e che vogliono prendersi cura della propria città e comunità” e ha ringraziato i partiti “che hanno creduto e credono nel progetto civico dimostrando che Assisi è ancora una volta un laboratorio politico dove si sperimentano formule innovative. Ci abbiamo creduto 5 anni fa, ci crediamo ancora di più oggi perchè vogliamo continuare a prenderci cura dei nostri cittadine e delle nostre cittadini, dalla comunità e della Città”.

All’incontro, in cui si è annunciato che il civismo ad Assisi raddoppia, erano presenti anche i rappresentanti di tutti i partiti e movimenti della coalizione, per la precisione, Pd con #progressisti21, M5 Stelle, Psi, Italia Viva, Azione, Civici X, Demos, Partite Iva.

(10)

Share Button