Contributo fino a 3.000 euro per l’assunzione di un assistente familiare presso la permanenz domiciliare degli anziani

Spoleto, 13 ottobre 2021 – Ci sono ancora risorse disponibili per la realizzazione di “Progetti di supporto alla permanenza nel proprio domicilio delle persone anziane non autosufficienti”.

L’avviso pubblico, disponibile nel sito istituzionale dell’Ente (https://bit.ly/3i6oeIa) e approvato dal Comune di Spoleto in qualità di capofila della Zona Sociale n. 9 che comprendente anche i comuni di Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi e Giano dell’Umbria, prevede un contributo massimo di € 3.000,00 per l’assunzione di un assistente familiare, con regolare contratto di lavoro, a favore della persona anziana non autosufficiente.

Chi presenta la domanda, oltre ad essere residente in uno dei comuni della zona sociale n. 9, deve avere compiuto i 65 anni di età, avere un ISEE d’importo pari o inferiore ad euro 20.000,00, avere un’invalidità civile almeno pari al 75% o vivere una accertata condizione di disabilità (ex art. 3 e ex art. 4 della legge 104/92).

Le persone anziane non autosufficienti ricoverate presso una struttura residenziale possono presentare domanda solo ai fini del superamento della residenzialità. Non possono presentare domanda coloro che fruiscono di altri contributi concessi per la stessa finalità (ad esempio Home Care Premium).

La domanda può essere presentata tramite raccomandata a/r (Comune di Spoleto – direzione Servizi alla persona – Via San Carlo 1 e 3), posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo comune.spoleto@postacert.umbria.it oppure  mano, previa richiesta di appuntamento ( in questo caso i numeri telefonici di riferimento sono: Comune di Spoleto 0743.218511; Comune di Campello sul Clitunno 0743.271953; Comune di Giano dell’Umbria 0742.931947/69; Comune di Castel Ritaldi 0743.252821).

Non sono ammissibili le domande presentate con modalità diverse da quelle indicate.

 

 

(3)

Share Button