Terni, 6 novembre 2021 – Una giornata piena di ottimi risultati per il Circolo Scherma Terni , quella di ieri , alla prima prova regionale GPG ad Ariccia per il fioretto maschile e femminile.

Categoria Maschietti Fioretto :
1° Boscia Giulio
2° Fioretti Daniele
3° Pompili Gianmarco
5° Sigler Matvey
6° Chieruzzi Edoardo
13° Khalife Moscatello Paul

Categoria Giovanissimi Fioretto :
3° Celi Carlo – Lancia Alessandro
17° Khalife Moscatello Patrik

Categoria giovanissime Fioretto :
3ª De Carli Eleonora

Categoria Ragazzi/Allievi Fioretto :
14° Fioretti Marco
16° Botondi Jacopo
19° Romagnoli Giacomo
24° Carosi Arcangeli Giacomo

Categoria Ragazze/Allieve Fioretto :
12ª Sgrigna Emma

I ragazzi sono accompagnati dal maestro Alessandro Picchi e Paola Carnevali (Tecnico di scherma e coordinatrice sportiva del Circolo Scherma Terni) che si dicono entusiasti delle prestazioni dei propri allievi in virtù anche del fatto che siamo all’ inizio della stagione agonistica.

Il direttore sportivo del circolo ternano Alessandro Picchi commenta cosi :
“Alcune belle soddisfazioni, e qualche rammarico per delle prestazioni non all’altezza delle possibilità di alcuni nostri ragazzi, ma comunque una prima prova di stagione positiva. Continueremo a lavorare sulla tecnica, soprattutto con i più piccoli che hanno dominato la gara maschietti, e sulla fiducia nelle proprie capacità, con i più grandi in particolare.

La soddisfazione più grande è stato vedere il gruppo dei maschietti essere completamente autonomi – per quel che è possibile a 10 anni ed alla prima esperienza di gara – e la loro coesione e supporto l’un l’altro. Ciò vuol dire che siamo sulla buona strada non solo dal punto di vista schermistico, ma anche della formazione. Ovviamente il merito è dei ragazzi che si dedicano a questa disciplina, si impegnano e si applicano, attenti a se stessi ed ai propri compagni. Dei piccoli cavalieri del Circolo Scherma Terni.

Un grande ringraziamento ai genitori, nostri promotori principali, per aver saputo cogliere le esigenze pratiche nell’autonomia dei propri figli e di aver avuto la serena (non semplice) disponibilità ad affidarceli in toto rimanendo fuori dal Palazzetto.”

(34)

Share Button