All’interno del furgone sono stati trovati, occultati sotto alcuni cartoni, più di 50 chili di guaina bituminosa per isolamento solitamente usata per edilizia

Città di Castello, 6 gennaio 2022 – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Città di Castello hanno denunciato due persone, un 41enne e una donna 30enne, entrambi residenti a Città di Castello, per l’ipotesi di reato di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.

I due viaggiavano a bordo di un furgone in una stradina di campagna ed hanno destato il sospetto dei Carabinieri che l’hanno fermati e controllati.

All’interno del furgone sono stati trovati, occultati sotto alcuni cartoni, più di 50 chili di guaina bituminosa per isolamento solitamente usata per edilizia. L’uomo e la donna, in evidente imbarazzo, non hanno saputo giustificare né la loro presenza in quella zona isolata e nemmeno la provenienza del catrame che è classificato come rifiuto speciale e molto pericoloso per l’ambiente.

È presumibile che i due cercassero di disfarsi del catrame, verosimilmente abbandonandolo nell’aperta campagna in barba a tutte le Leggi che regolano la delicata materia e pertanto sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per il presunto reato di gestione illecita di rifiuti speciali e pericolosi.

Il mezzo ed il materiale ivi contenuto sono stati sottoposti a sequestro.

Nessuno dei due, inoltre, risulterebbe iscritto alle figure professionali per la gestione dei rifiuti.

I Carabinieri di Città di Castello si dedicano da tempo alla prevenzione e al contrasto dei reati in materia ambientale con particolare riguardo al traffico illecito dei rifiuti viaggianti su strada.

(10)

Share Button