Pensionati pronti alla mobilitazione contro il nuovo Piano sanitario regionale

Assisi, 9 gennaio 2022 – La  decisione di interrompere (per almeno un mese, si dice) l’attività chirurgica all’ospedale di Assisi è assurda, grave e inaccettabile. L’assenza di personale, che viene addotta come motivazione, non giustifica tale impostazione e semmai conferma l’inadeguatezza delle politiche messe in atto dalla giunta regionale.

La realtà amara è che nella nostra regione manca una politica sanitaria all’altezza della situazione  e quando una politica c’è è tutta impostata sullo smantellamento del servizio sanitario pubblico e sulla privatizzazione, come dimostrano le linee guida del nuovo Piano sanitario regionale.

Tale impostazione pero’ si scarica sui cittadini(come dimostra anche l’annosa questione delle liste d’attesa), a partire dai pensionati e dagli anziani, che esprimono piu’ bisogni e piu’ fragilità!

L ‘Ospedale di Assisi è strategico non solo per le 60 mila persone, che abitano nel territorio circostante, ma anche per quello che la città di S.Francesco esprime da un punto di vista turistico e non solo.

Noi ci opponiamo alla scelta di chiudere l’Ospedale di Assisi e lo SPI CGIL proporra’ da subito, di costruire un immediata mobilitazione unitaria e popolare per tutelare un presidio cosi’ importante per la  difesa  della salute dei cittadini!

 

(5)

Share Button