Il sindaco Stefania Proietti ha incontrato il presidente  della commissione cultura del Senato Riccardo Nencini

Assisi, 21 gennaio 2022 – Il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha incontrato il presidente della Commissione cultura del Senato Riccardo Nencini per parlare del disegno di legge che ha ad oggetto le celebrazioni per l’ottavo centenario della morte di San Francesco.

E’ stata una riunione fissata per conoscere lo stato dei lavori dell’iter del provvedimento legislativo che è stato redatto direttamente dal ministro della Cultura Dario Franceschini, su proposta del sindaco di Assisi. All’incontro ha partecipato il professor Stefano Brufani, direttore del dipartimento di lettere e ordinario di studi francescani (la cattedra che fu di Arnaldo Fortini) in rappresentanza della Società Internazionale di Studi Francescani.

Il sindaco ha incontrato inoltre anche i senatori Francesco Verducci e Danila De Lucia, vicepresidente e membro della commissione.

Le tappe per arrivare all’approvazione della legge sull’ottavo centenario sono quelle previste dalle norme, lavori in commissione, poi aula, dibattito e infine il via libera.

Il sindaco ha sottolineato l’importanza del 2026 quando 800 anni fa San Francesco, il frate che ha incarnato i valori della pace e della fraternità, lasciò la vita terrena dopo aver rivoluzionato la Chiesa.

“L’ottavo centenario della morte di San Francesco – ha affermato il sindaco – è un appuntamento storico fondamentale per la città di Assisi, come l’indimenticato centenario del 1926, e arriverà a conclusione di un’altra serie di ricorrenze, tutte legate alla vita del santo, come il centenario delle stimmate a La Verna, il presepe di Greccio e il cantico delle creature. Inoltre questo centenario francescano si colloca tra il Giubileo 2025 e l’anno finale del programma europeo per la ripresa e la resilienza Next Generation. Sarà una occasione unica per il rilancio della nostra Città.

Assisi vuole essere pronta per celebrare il solenne transito patrono d’Italia, il santo che, spogliandosi dei suoi beni, è diventato povero tra i poveri, ed è assurto a gigante della spiritualità scrivendo un patrimonio immenso di valori e ideali ancora attualissimi. Stiamo lavorando da tempo a questo che sarà un passaggio storico e culturale straordinario per la nostra città, insieme alle realtà religiose e alle famiglie francescane. Non appena la legge sarà varata, inizieremo con il coinvolgimento di tutta la Città nel progetto ASSISI 2026: vogliamo che questo momento sia per tutta la comunità assisana, cittadini, associazioni culturali, mondo della scuola, e soprattutto i giovani, un passaggio culturale verso una Assisi rinnovata, sempre di più città-messaggio dei valori di dialogo, nuovo umanesimo, cura del creato,  difesa dei più fragili e della vita, in altre parole dei valori di San Francesco e Papa Francesco”.

 

 

 

 

 

 

(6)

Share Button