Perugia, 9 febbraio 2022 – Un altro appuntamento con La danza del giovedì, il nuovo progetto del Teatro Stabile dell’Umbria realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Venerdì 11 febbraio alle 21 e sabato 12 febbraio alle 18, al Teatro Morlacchi di Perugia, va in scena La natura delle cose di Virgilio Sieni, uno dei più significativi danzatori e coreografi viventi, artista attivo in ambito internazionale per le massime istituzioni teatrali, musicali, fondazioni d’arte e musei, vincitore di tre premi UBU e Direttore della Biennale Danza dal 2013 al 2016.

Lo spettacolo si basa sul poema filosofico-enciclopedico di Lucrezio, De rerum natura. Per l’elaborazione della drammaturgia, Sieni si è avvalso della prestigiosa collaborazione di Giorgio Agamben, tra i più importanti e originali filosofi del nostro tempo, noto e tradotto a livello mondiale. La musica è una creazione originale di Francesco Giomi, compositore e direttore del centro Tempo Reale Firenze; il testo dello spettacolo è stato letto e registrato dalla celebre cantante Nada, che per la prima volta offre il suo contributo vocale in uno spettacolo coreografico.

I cinque danzatori, Ramona Caia, Jari Boldrini, Nicola Cisternino, Maurizio Giunti, Andrea Palumbo, attraversano le tre scene dando vita a un compatto quartetto di uomini e a una figura femminile metamorfica e sempre presente, come la Venere-dea dell’atto generativo evocata da Lucrezio all’inizio del suo poema. La scelta del De rerum natura coincide con l’urgenza di rivolgersi alla natura delle cose, alla loro anima e origine, ponendo la danza come strumento di indagine e come manifesto per una riflessione sull’oggi.
Attraverso una partitura di elementi sottili, dove la luce sembra sostituirsi al corpo e il senso del vuoto all’apparizione di corpi trasfigurati e galleggianti, si apre uno squarcio su un corpo unico che abita la scena: un corpo che comprende altri corpi, altre forme; che lancia messaggi di pace e che si rivolge all’ascolto, alla democrazia e alla libertà della tecnica, al senso laico del mistero. Una complessa macchina fisica che permette a Venere, presenza umana e pupazzo allo stesso tempo, di muoversi in una prolungata sospensione corporea, per poi discendere lentamente, per gradi, fino a terra.
I corpi si mostrano allo stesso tempo ricoperti di simulacri e denudati, e si mostrano nel loro atto di genesi e di costruzione, nel loro formarsi e trasformarsi; qui la pelle si espone al vuoto, fondando un tempo che si apre alla sospensione e affermando decisamente, con Lucrezio, che “nulla nasce da nulla”.
Gli studenti degli Istituti Superiori, delle Università e delle Accademie di Perugia potranno acquistare i biglietti al costo di 1 €, solo presso il botteghino.
L’incontro pubblico con l’autore, previsto giovedì 10 febbraio alle 18.30, è stato annullato.
Per accedere a teatro sono necessari Super Green Pass e mascherina ffp2.
Si può prenotare telefonicamente al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075 57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati un’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.
La prevendita dei biglietti a Perugia viene effettuata: dal lunedì al venerdì, dalle 10.30 alle 14, presso il Botteghino di Piazzale del Bove via Campo di Marte, 95, tel. 393 9139922 e al Botteghino del Teatro Morlacchi, 075 5722555, dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 14 e dalle 17 alle 20, il sabato dalle 17 alle 20.

(30)

Share Button