Norcia, 10 marzo 2022 –  “È incomprensibile la decisione dell’amministrazione comunale di Norcia di utilizzare le donazioni per uno studio sulla decarbonizzazione  del territorio comunale”. È l’ultima trovata dell’amministrazione Alemanno che i consiglieri di  Noi per Norcia – Giampietro Angelini, Cristian Coccia, Antonio Duca e Pietro Iambrenghi –  contestano presentando una specifica interrogazione visto che per questa iniziativa potevano essere utilizzati fondi del bilancio comunale.

“Invece – prosegue la nota –  con deliberazione della giunta comunale n. 20 dell’8 febbraio 2022 (pubblicata con calma  il 17 febbraio 2022) sono stati destinati 15 mila euro,  provenienti dalle donazioni per i terremotati post-sisma 2016 per  ‘Investimenti in progetti per Comune di Norcia in campo energetico ambientale, volti al raggiungimento obiettivi di decarbonizzazione del sistema energetico nonché al miglioramento qualità dell’ambiente urbano e della qualità della vita della cittadinanza nello scenario del cambiamento climatico in atto”.

L’incarico è stato affidato, con determinazione n. 18/2022, al dipartimento di ingegneria dell’università di Perugia  per effettuare  il servizio di ricerca e sviluppo e supporto tecnico scientifico al fine di costituire ‘una o più comunità energetiche rinnovabili (CER)’ nel territorio comunale perseguendo l’obiettivo nazionale di decarbonizzazione del sistema energetico al 2030 come sancito nel DLgs n. 199/2021 recante disposizioni necessarie all’attuazione delle misure del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) in materia di energia da fonti rinnovabili conformemente al Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC).

Per il gruppo di opposizione ‘Noi per Norcia’ è incomprensibile la scelta dell’Amministrazione comunale che di fronte ai problemi che i terremotati nursini – e la comunità intera – sono ancora costretti a vivere quotidianamente decide di utilizzare le donazioni per una attività lontana dallo spirito con le quali sono state concesse con grande generosità.

“Niente da dire – affermano i consiglieri di Noi per Norcia –  in merito alla preziosa attività svolta dall’Università degli Studi di Perugia – Dipartimento di Ingegneria nella promozione di modelli sostenibili di comunità e di produzione dell’energia dalle fonti rinnovabili ma ci sentiamo in dovere di chiedere conto all’Amministrazione comunale di queste scelte a nostro avviso inopportune”.

Nell’interrogazione ‘Noi per Norcia’ chiede:

  • Per quale ragione e a che titolo la Giunta Comunale ha deciso di utilizzate donazioni destinate ai terremotati post-sisma 2016 per la decarbonizzazione del Comune di Norcia o meglio ‘per l’esigenza di supporto tecnico scientifico dell’Amministrazione comunale rispetto a due macro aree sinergiche di interesse per la comunità e di seguito specificate: a) Comunità Energetiche Rinnovabili (CER): sviluppo di un modello di CER che include la partecipazione del Comune ottimizzato in base al contesto territoriale alle risorse energetiche rinnovabili e alle esigenze delle utenze. b) Sostenibilità Energetica Ambientale: l’incremento dell’efficienza energetica dell’edilizia pubblica nelle costruzioni e della sostenibilità delle filiere produttive del territorio di Norcia.
  • Se la donazione accertata per 15 mila euro al capitolo 24 del bilancio 2022 era destinata alla decarbonizzazione del Comune di Norcia;
  • Se è opportuno, in momento come quello attuale – dove all’emergenza sismica e pandemica si è unita anche l’emergenza del contesto internazionale  – destinare le donazioni finalizzate ad aiutare i terremotati in progetti di studio anziché in azioni concrete ed immediate come.
  • Per quale ragione non sono stati utilizzati fondi di bilancio comunale per il servizio di ricerca, sviluppo  e supporto tecnico scientifico all’Amministrazione Comunale e si è preferito utilizzare donazioni che gli italiani e non solo hanno inviato alla popolazione nursina  colpita dal terremoto.
  • Si richiede un elenco dettagliato delle donazioni pervenute al comune di Norcia dal 24 agosto 2016 ad oggi suddiviso tra quelle generiche e quelle finalizzate.
  • Si richiede, inoltre, un elenco dettagliato di come tali donazioni sono state utilizzate o, per quale ragione, non siano state utilizzate per alleviare, direttamente o indirettamente, i disagi della popolazione e delle imprese nursine danneggiate dalla crisi sismica del 2016.

(63)

Share Button