Terni, 16 marzo 2022 – Promuovere la cultura della montagna attraverso incontri ed iniziative che, non necessariamente sul campo, ne raccontano la bellezza. Punta a questo la dodicesima edizione di “Vette in vista”, la rassegna di cinema ed eventi promossa dall’Associazione “Stefano Zavka” – costituitasi per ricordare la figura dell’alpinista ternano scomparso il 20 luglio 2007 dopo aver conquistato la vetta del K2 – in stretta collaborazione con la Sezione CAI di Terni.

Nell’ultimo fine settimana del mese, d’intesa con Trento Film Festival 365 e Cineteca CAI, negli spazi del CAOS e al The Space saranno proiettati gratuitamente filmati. Si inizia venerdì 25 marzo alle 9 con il trekking urbano riservato alle scuole “I grandi alberi della nostra città” a cura della Sezione CAI di Terni in collaborazione con la Scuola Media “Anastasio De Filis”. Alle 16, alla Sala dell’Orologio del CAOS è in proiezione il documentario “A life ascending” di Stephen Grynber.

È un viaggio inedito ed intimo con uno dei più grandi atleti, al massimo delle sue capacità, “Age of Ondra”, la pellicola di Josh Lowell, Peter Mortimer e Zachary Barr che sarà proiettata alle 17. Cinquanta minuti dopo sarà la volta di “Allein” di Franz Walter che celebra il mezzo secolo della guida alpina Robert Jasper. Alle 18, invece, largo a Massimo Marconi e Andrea Bollati che, con l’ausilio di un audiovisivo, racconteranno le rispettive imprese, tra cui la salita al Thalo Zom.

“La mia vita in verticale” è il titolo della serata che, alle 21, porta a Terni l’arrampicatrice internazionale Federica Mingolla per raccontare la sua esperienza di sportiva – da atleta delle palestre ad alpinista e guida alpina – e di donna che, con passione e determinazione, è riuscita ad uscire in solo quattro mesi da un brutto incidente. Ricca di appuntamenti anche la giornata di sabato 26 marzo, che sarà aperta alle 9 dal trekking urbano della scuole.

Il proiettore della Sala dell’Orologio del CAOS si accende alle 16 per “I claustrofili”, film di Sirio Rechi che “non è fatto per gli speleologi, ma per tutti quelli che stanno fuori e si chiedono: Ma come fanno a respirare? Non hanno paura di rimanere bloccati?”. Risolti i quesiti, si prosegue alle 16.30 con “Los Picos 6500” di Marco Busacca, alle 17.15 con il trailer del filmato sulla realizzazione della salita della Via ToMiCa, allo spigolo del Pizzo del Diavolo.

Si tratta dell’anteprima di una parte delle riprese del documentario sulla storia alpinistica dei Monti Sibillini in produzione a cura della Sezione CAI Perugia in collaborazione con la Scuola di Alpinismo “Giulio Vagniluca” e il CAI Cinema. E ancora alle 17.30 con l’istruttore di alpinismo Marco Geri e l’incontro dal titolo “Muscoli, idee e passioni verticali ovvero l’alpinismo dall’illuminismo delle origini all’edonismo post-moderno”, una conferenza “poco formale e per niente accademica” sull’affascinante storia dell’alpinismo.

Alle 21, invece, nella Sala 4 del The Space Cinema l’incontro è con Matteo Della Bordella, alpinista del Gruppo Ragni di Lecco, su “La via meno battuta”. Gran finale domenica 27 marzo.  Appuntamento alle 9 con il trekking a cura della Sezione CAI di Terni. Un percorso montano della durata di circa tre ore. Alle 10 all’Area Lab del CAOS per la premiazione della sesta edizione del concorso di disegno “Disegna la montagna”, riservato ai bambini delle scuole elementari. Alle 17, “Vette…in musica” con il Coro Terra Majura e “Le montagne degne di nota”, incontro musicale con Roberto Andreutti (percussioni) e Fabio Menichini (fisarmonica).

L’evento gode del patrocinio di Regione Umbria, Provincia di Terni, Comune di Terni, Comune di Acquasparta, Comune di San Gemini e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni. L’ingresso agli appuntamenti è libero, fino ad esaurimento posti, con l’obbligo di rispettare la vigente normativa anti Covid, indossando la mascherina Ffp2 ed esibendo il Green Pass rafforzato.

 

(45)

Share Button