Molte le autorità presenti all’inaugurazione del 124° Consiglio nazionale Soroptimits International d’Italia. Il saluto della presidente della Regione Umbria Donatella Tesei. C’era anche lei quando nel 2014 il Club Valle Umbra mosse i primi passi

Foligno, 30 maggio 2022 – Parterre delle grandi occasioni per l’evento inaugurale del 124° Consiglio Nazionale del Soroptimist International d’Italia. L’importante appuntamento, che ha visto arrivare a Foligno 500 delegate da tutta Italia giunte a eleggere la nuova presidente nazionale, è stato accolto venerdì 27 all’Auditorium San Domenico di Foligno alla presenza di numerose autorità politiche, civili, militari.

All’apertura dei lavori, proclamata dalla presidente nazionale Soroptimist Giovanna Guercio e dalla presidente Soroptimist Valle Umbra Graziella Pascucci, hanno portato il saluto dell’Umbria e della città la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei e l’assessore del Comune di Foligno Marco Cesaro.

“Benvenute in Umbria – ha esordito la presidente Tesei -. Sono qui per un motivo che va oltre il mio ruolo istituzionale, e che unisce al piacere di portarvi il mio augurio di buon lavoro anche un pizzico di emozione. Ho visto nascere il club Valle Umbra, ho partecipato agli incontri quando stava muovendo i primi passo. Non ricoprivo ancora il ruolo che oggi mi onoro di rappresentare. Questo club è animato da donne, amiche, che stimo profondamente. Auguro al Consiglio buon lavoro, certa di riavere tute voi ospiti nella nostra bella Regione”.

Molte le autorità in prima fila che la presidente del club Valle Umbra Graziella Pascucci ha tenuto a ringraziare. “Stiamo vivendo l’orgoglio di avervi qui, di farvi conoscere la nostra città e la nostra regione” ha detto rivolgendo il proprio saluto alle past-president e ai vertici nazionali Soroptimist, alle Soroptimiste delegate nei consigli europei e alla Fao Nicoletta Morelli, Flavia Pozzolini, Mara Costantino, Liliana Mosca, all’assessore alla cultura del Comune di Foligno Decio Barili, al sindaco di Montefalco Luigi Titta, al segretario generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno Cristiano Antonietti, al comandante della Polizia di Stato Adriano Felici.

“Sono qui a presiedere questi lavori che condurranno sabato 28 all’elezione della nuova presidente nazionale – ha dichiarato la presidente Guercio -. E da qui dico grazie a tutte voi. Grazie per aver creduto e condiviso i progetti nazionali e anche per le tante iniziative territoriali. Volevamo accelerare il cambiamento nelle politiche di genere, nelle dinamiche sociali. Bene, ci stiamo riuscendo con tante piccole grandi azioni positive per le donne e per l’intera società. Abbiamo in corso 1300 progetti, collaborazioni, protocolli d’intesa con i più diversi attori istituzionali a livello italiano e internazionale.

Con il Ministero dell’Interno per le rifugiate afghane, con l’ANCI per valorizzare la progettualità femminile nell’ambito del PNRR, con la Protezione Civile e l’Associazione Nazionale Alpini. Siamo una scuola di libertà, democrazia, pace, inclusione, sostenibilità. Lavoriamo con la nostra coscienza di donne, per le donne e per la collettività. Grazie per tanto impegno e passione.”

Tra gli ospiti in platea anche il Maestro Tintore Claudio Cutuli, stilista che ha dedicato alle Soroptimiste un foulard, un affresco tessile in fibra d’ortica e tinture naturali che riproduce l’opera giottesca San Francesco libera l’eretico Pietro di Alife. Un dono apprezzatissimo che parla dell’Umbria e dei suoi tesori, che le delegate giunte in città con amici e familiari, sono state invitate a scoprire con un programma di visite guidate che le porterà nelle città d’arte umbre.

L’evento è stato salutato con favore anche dall’Amministrazione comunale che ha aperto all’iniziativa i suoi spazi più preziosi. “Siamo lieti di ospitare un’iniziativa tanto prestigiosa, portatrice di valori inestimabili oggi al centro del dibattito internazionale – sono state le parole dell’assessore Cesaro -. Conosciamo bene l’impegno del Soroptimist Valle Umbra. Continueremo a condividere con loro progetti e finalità. A voi oggi qui, e alla nuova presidente che uscirà dai lavori, diciamo che Foligno, città ospitale, aperta e democratica, sarà sempre onorata di accogliervi”.

Aperto ufficialmente il Consiglio con il rituale rintocco della campana, la scena è stata tutta per la compagnia teatrale Olbc e per un estratto della Contessa con gli zoccoli, musical ispirato alla vita della Beata Angelina di Marsciano, fondatrice del Terzo Ordine Regolare Francescano e del Monastero di Sant’Anna di Foligno. Fu la prima a ottenere nel 1403 da Bonifacio IX l’abolizione della clausura per mettersi al servizio della collettività. In platea anche Suor Clotilde, Madre Superiora del Monastero.

 

 

 

 

(91)

Share Button