Visso, 11 luglio 2022 – “Dietro la cartolina. 100 giorni a cavallo per cento anni di parchi”, questo lo slogan che accompagna Paola Giacomini nel suo viaggio attraverso l’Italia per celebrare il secolo di vita dei Parchi del Gran Paradiso e di Abruzzo, Lazio e Molise.

A cavallo, in solitaria, con i fidi “mongoli” Tcigherè e Custode, è partita l’8 giugno da Alba Fucens, in Abruzzo, alle pendici del Monte Velino, con l’obiettivo di raggiungere il 18 settembre la diga del Serrú, in Piemonte, all’interno del Parco del Gran Paradiso.

Giovedì ha toccato Castelluccio e Visso e ha fatto visita alla sede del Parco Nazionale dei Monti Sibillini raccontando il suo progetto che ha non solo un intento celebrativo ma anche, soprattutto, simbolico: durante il viaggio Paola raccoglie e mischia le acque di fiumi, laghi e sorgenti in una piccola borraccia che poi restituirà al cielo del Gran Paradiso sottoforma di vapore perché possa trasformarsi in neve. Un gesto che rivela il lato poetico di una donna che ha fatto del mondo dei cavalli e della natura la propria scelta di vita.

“Siamo lieti di aver accolto questa viaggiatrice nella natura, e di rilanciare il suo messaggio di attenzione all’ambiente celebrando la bellezza e la biodiversità dei Parchi” sottolinea Maria Laura Talame, direttrice del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. “Un modo inconsueto ma straordinariamente efficace per parlare di natura e di come sia necessario recuperare un rapporto più equilibrato con essa, a cominciare dalla gestione delle acque, un tema su cui saremo costretti a confrontarci con sempre maggior sensibilità ed efficacia”.

Sul suo sito, sellareepartire.it, Paola racconta i suoi viaggi e spiega le ragioni delle sue scelte: “Non credevo e credo sempre di meno all’estremismo misantropo di chi vede nell’essere umano l’unico male del mondo. Credo che sintonizzandoci sulle nostre reali possibilità e pagando agli altri esseri che abitano il pianeta il giusto prezzo per ciò che ci offrono, possiamo fare ancora qualcosa di bello. La questione degli arretrati con cui abbiamo sfruttato oltre misura altri popoli e continenti va affrontata onestamente, credo che sia l’unico modo per avanzare con dignità”.

(11)

Share Button