Sarà presentato giovedì 4 agosto, alle ore 18:30, nel complesso museale di San Francesco

Montefalco, 2 luglio 2022 – E’ iniziato il Countdown per la presentazione del libro che racconta, in oltre 300 pagine, mezzo secolo di storia della Fuga del Bove. Scritto con grande passione dal giornalista Gilberto Scalabrini, l’elegante volume sarà presentato giovedì 4 luglio, alle ore 18:30, presso il complesso museale di San Francesco. Ingresso libero.

Saranno presenti, oltre all’autore, anche la Governatrice dell’Umbria,  Donatella Tesei, il Sindaco Luigi Titta, il Presidente dell’Ente Fuga, Paolo Felicetti, la responsabile del museo di Montefalco Serena, il prof. Silvestro Nessi che ha dato la stura, nel 1973, alla manifestazione, i Priori e il popolo dei Quartieri. Fungerà da moderatore dell’incontro il giornalista Roberto Conticelli.

Il volume si presenta in una edizione cartonata di pregio ed è diviso in 23 capitoli nei quali Gilberto Scalabrini raccoglie e racconta, con lo stile brillante ed efficace del cronista, tante storie di uomini e donne che snocciolano i progetti della festa di ieri e di oggi, coinvolgendo emotivamente il lettore.

Il libro è ricco di un accattivante corredo fotografico: immagini d’autore che ritraggono i personaggi del corteo storico, i protagonisti delle gare e gli attori degli spettacoli.

«Non è stato facile ricostruire la trama e gli strappi del tempo – commenta Gilberto Scalabrini –  perché i primi anni sono orfani di memorie scritte, ma gli uomini e le donne che ho intervistato mi hanno fornito tante informazioni, documenti e foto. Grazie a loro è stato possibile riannodare il filo della storia con date, nomi, eventi, ricordi a volte evocati in modo vibrante e altre volte con dettagli sbiaditi e confusi. Con pazienza e passione ho scavato nel passato di chi porta nel cuore i suoi anni di atleta, tamburino, giostratore, attore o semplice collaboratore del Quartiere. La Fuga del Bove è un vero patrimonio culturale da conservare e trasmettere ai giovani.

Questo lavoro letterario mi ha intrigato molto  e il mio blocco notes – confessa con la sua voce che a Montefaco la conoscono tutti per essere da molti anni lo speaker della festa – è pieno di impressioni e appunti. In ogni appunto ci sono spirito e anima di una rievocazione storica che accompagna la vita di tutti i montefalchese e rimane, come un marchio indelebile, nel cuore del fantastico popolo dei Quartieri».

 

 

(18)

Share Button