Tutte percorribili le strade colpite, ma per la loro definitiva sistemazione serviranno risorse ad hoc

Gubbio, 22 settembre 2022 – Visita della presidente della Provincia di Perugia e del consigliere delegato alla viabilità, nella giornata di mercoledì, nelle aree dell’alta Umbria colpite dall’alluvione della scorsa settimana.

Gli amministratori provinciali, affiancati dal personale tecnico del Settore Viabilità, hanno incontrato sul posto i sindaci di Pietralunga, Scheggia e Pascelupo e Gubbio, mentre con gli altri hanno stabilito dei contatti telefonici.

In questa occasione è stato ricostruito il quadro rispetto agli interventi messi in atto fin dalle prime ore successive al fenomeno ed è stato fatto il punto sulle opere che saranno necessarie per ripristinare condizioni di sicurezza in tutta la rete viaria.

L’Amministrazione provinciale si è da subito attivata intervenendo con mezzi propri per affrontare le criticità, ma vista l’entità del fenomeno è stato necessario ricorrere all’ausilio di ditte private per sgomberare e ripulire le strade interessate.

Nel comune di Pietralunga i tratti maggiormente coinvolti dall’evento alluvionale sono la SP 201 di Pietralunga tratto 1 e 3 (in loc. Corniole) e la SP 204 di Nogna. Nel comune di Scheggia e Pascelupo le più danneggiate sono la SR 298 Eugubina, la SR 360 Arceviese, la SP 225 di Rancana e la SP 226 di Isola Fossara. Nel territorio di Gubbio la SP 208 di San Bartolomeo, la SP 204 di Nogna, la SP 207 di Cà Cambiucci e la SP 205-4 di Mocaiana.

E’ stato inoltre necessario intervenire ad Umbertide sulla SR 3Bis Tiberina per rimuovere l’enorme quantità di materiale legnatico che si era accumulato a ridosso delle pile del ponte sul fiume Assino in località Montecorona e a Montone lungo la SP 201 di Pietralunga – tratto 1, dove si sono verificati smottamenti e problemi alla viabilità.

Secondo quanto riferito dai tecnici provinciali, al momento è garantita la percorribilità su tutta la rete stradale, grazie agli interventi di rimozione del materiale che si era depositato sulla sede stradale. “Ma sono presenti numerose frane di valle – è stato sottolineato – che abbiamo provveduto intanto a mettere leggermente in sicurezza, con particolare riferimento al deflusso delle acque, ma dove si dovrà intervenire per una definitiva sistemazione”.

Il settore viabilità in queste ore sta lavorando alla compilazione di schede di segnalazione da inviare alla Protezione civile regionale, sulla base delle quali chiedere finanziamenti specifici. E’ in corso la stima, ma saranno necessarie risorse per diversi milioni di euro.

(21)

Share Button