Gualdo Tadino, 26 ottobre 2022 – Per le festività di Ognissanti il Polo Museale di Gualdo Tadino amplia le giornate di apertura, l’intero circuito è aperto al pubblico da venerdì 28 ottobre al 2 novembre, con la speciale formula “un solo biglietto tanti musei”. A pochi passi gli uni dagli altri si possono scoprire: il Museo Civico Rocca Flea, il Museo Archeologico Antichi Umbri, il Museo della Ceramica, il Museo dell’Emigrazione Pietro Conti ed il Museo del Somaro.

Centro per l’Arte Contemporanea. Nella Chiesa di San Francesco, parte integrante dell’itinerario, due mostre di grande interesse: “La forma della Bellezza. La grande pittura di figurazione italiana. The Bank Contemporary Art Collection” e “Pianeta Terra. Mostra Internazionale della Ceramica d’arte di Gualdo Tadino”.

È facile lasciarsi conquistare da un itinerario unico, per scoprire la bellezza della tipica ceramica a lustro oro e rubino della città di Gualdo, con le sue preziose iridescenze e la storia dei maestri Paolo Rubboli e Alfredo Santarelli, per poi immergersi nelle opere di Matteo da Gualdo, capostipite di una singolare famiglia di notai-pittori. Ma ancora un tuffo nel passato più remoto e suggestivo con i reperti archeologici che spaziano dalla Preistoria al Medioevo, per approdare alla scoperta dell’affascinante civiltà degli antichi umbri, mentre un balzo in avanti riporterà il visitatore tra Ottocento e Novecento, sulla scia della storia dell’emigrazione italiana all’estero, che ha visto in meno di un secolo 27 milioni di partenze, con un allestimento multimediale.

Ed infine un curioso museo d’arte contemporanea, dedicato ad un animale che ha accompagnato la storia dell’umanità: il somaro. “Il tour museale offre altre sorprese”, spiega Catia Monacelli, direttrice del Polo, “continua alla Rocca Flea il progetto espositivo “Arte, fuoco e ceralacca. I sigilli della Collezione Francesco Allegrucci”, tre secoli di sigillatura con esemplari che ne evidenziano i molteplici impieghi, dalle raffinate concessioni imperiali degli Asburgo sino agli umili stampi da pane.
Per gli amanti delle passeggiate e della natura, complice un autunno così mite, non può mancare la visita alla località più celebre della montagna gualdese, la rigogliosa Valsorda, dove è possibile praticare escursionismo, trekking e mountain bike. Per ulteriori informazioni si consiglia di visitare il sito www.polomusealegualdotadino.it

(19)

Share Button